Comedata con HBG Gaming per l’automazione dell’albo fornitori

Comedata con HBG Gaming per l’automazione dell’albo fornitori

Gestire meglio gli acquisti e monitorare le performance esterne. Alfonso Massimo Riccardi ci racconta come la piattaforma 4buyer ha migliorato i processi aziendali e il rapporto con i fornitori

Quando si parla di trasformazione digitale il pensiero va inevitabilmente alla dematerializzazione e ad applicazioni futuristiche, impregnate di AI e machine learning, contesti che guideranno ancora a lungo il digital journey di organizzazioni grandi e piccole. Comedata specializzata nella progettazione di soluzioni di business e HBG Gaming hanno raccolto insieme questa sfida.

HBG GAMING

HBG Gaming è uno dei più grandi operatori italiani nel settore del gioco sicuro e legale regolato dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. I dati di bilancio del Gruppo HBG Gaming, al 31 dicembre 2017, mostrano una raccolta complessiva di 4,7 miliardi di euro, con una quota di mercato del 4,5%. HBG Gaming gestisce 18 tra le migliori Sale Bingo del mercato italiano, con oltre 5.715 posti a sedere e, attraverso la sua controllata HBG Connex Spa, collega alla rete telematica 29.000 NewSlot distribuite in più di 9.372 esercizi con più di 500 gestori partner. Un’azienda innovativa, con oltre 760 dipendenti e un Sistema di Gestione della Qualità certificato, che dedica grande attenzione al rispetto degli standard di servizio, dei requisiti normativi e delle aspettative dei propri stakeholder. Per questo motivo HBG Gaming mantiene un rapporto costante con i propri fornitori, che sono parte integrante della sua attività di business e della qualità dei servizi offerti, nel rispetto delle procedure e del codice etico aziendale.

LA SFIDA DELL’UFFICIO ACQUISTI

Parla Alfonso Massimo Riccardi, responsabile amministrazione fornitori e acquisti generali del Gruppo HBG Gaming: «In un mercato concorrenziale come il nostro, siamo sempre focalizzati su una gestione efficiente degli acquisti al fine di generare valore per il business, facendo attenzione alle tematiche di compliance e risk management. Per questo dobbiamo essere al passo con i tempi, automatizzando i flussi di lavoro. Oggi si ragiona per soddisfare il cliente interno “comprando” il meglio per l’obiettivo da raggiungere. La figura del buyer diventa sempre più strategica, raccogliendo la sfida di ottimizzare le negoziazioni e rendere più semplici le attività nel rispetto delle policy e delle procedure aziendali».

Leggi anche:  Tra spazi fisici e virtuali

AUMENTARE IL RAGGIO D’AZIONE

«Trovavamo difficile effettuare varie attività di scouting e di categorizzazione, accreditamento, tracciamento e storicizzazione dei processi, oltre alle operazioni di documentazione e valutazione delle offerte. Avevamo bisogno di aumentare il raggio d’azione e la tecnologia a supporto delle prestazioni». Il gruppo ha trovato risposta in 4buyer, prodotto e distribuito da Comedata. L’albo fornitori implementato, grazie a un processo che include analisi economiche, tecniche e organizzative, permette di visualizzare solo i fornitori con le caratteristiche definite dal cliente in funzione dell’acquisto, beneficiando – inoltre – di un’automazione funzionale in alcune aree, come lo scadenziario dei documenti, il caricamento delle gare online, il tracciamento e allo stesso tempo garantire la trasparenza ai fornitori.

COMPLIANCE E SEMPLICITÀ D’USO

«Abbiamo raggiunto il risultato liberando le risorse dell’ufficio, che di conseguenza possono impegnarsi in lavori a più alto valore aggiunto. Oggi, tutte le aree di intervento sono migliorate sia in termini di compliance ai regolamenti, procedure, codici di condotta e codici etici che di rapporto con i fornitori. La semplicità d’uso ha contribuito a ottenere miglioramenti concreti già nel breve periodo: riduzione dei costi di acquisto, aumento della velocità di analisi e valutazione delle offerte, risparmio sulla stesura dei contratti, qualificazione accurata, segmentazione e gestione dei fornitori. Uno sviluppo che continua, visto che, a quattro anni dall’adozione dell’albo, continuiamo a implementarlo, insieme a Comedata».