YouTube ha rimosso 58 milioni di video nel terzo trimestre del 2018

YouTube ha rimosso 58 milioni di video nel terzo trimestre del 2018

La piattaforma ha censurato anche 224 milioni di commenti in base alle violazioni delle sue politiche di utilizzo

Sono oltre 58 milioni i video rimossi da YouTube tra luglio e settembre di quest’anno. Al fianco di questi, eliminati anche 224 milioni di commenti, a causa della violazione delle politiche di utilizzo della piattaforma, sia nella versione desktop che mobile. Gran parte dei procedimenti di eliminazione sono frutto della volontà di aziende e governi, spesso i primi a identificare la pubblicazione di contenuti di propaganda estremista o di infrazione di normative nazionali e internazionali, come quelle sul copyright.

Anche l’Unione Europea ci ha messo del suo, avendo fatto passare la norma sulla necessità di  rimuovere materiale estremista entro un’ora da un ordine ufficiale da parte di un governo o di un’organizzazione pubblica o privata. Ci sono anche delle differenze tra paesi, ad esempio l’India ha “allungato” il tempo disponibile per la censura a 36 ore, una peculiarità non rinvenuta altrove.

Cosa succede

Nel 2018 YouTube ha iniziato a pubblicare rapporti trimestrali sul numero di video e commenti eliminati, la maggior parte per spam. Gli strumenti automatici di rilevamento aiutano l’azienda a identificare rapidamente cosa viola le policy ma l’intervento umano resta essenziale. A settembre, il 90% dei quasi 10.400 video rimossi per estremismo e i 279.600 per problemi di sicurezza dei minori hanno ricevuto meno di 10 visualizzazioni. Quest’anno Google ha aggiunto migliaia di moderatori al team di esperti che aiuta nella scoperta di contenuti contrari alle norme.

Al di là dei filmati, YouTube ha eliminato circa 1,67 milioni di canali e 50,2 milioni di video ad essi correlati. La divisione di Alphabet non ha comunicato il numero complessivo di account che hanno caricato video nel periodo di riferimento ma si è limitato a dire che le rimozioni hanno rappresentato solo una piccola parte del totale.

Leggi anche:  Il nome di dominio di Google Argentina acquistato per poco più di 2 euro