L’identity management di Okta amplia il portfolio di Bludis

L’identity management di Okta amplia il portfolio di Bludis

La soluzione consente alle imprese di gestire l’autenticazione e l’identità di dipendenti e collaboratori, partner, clienti, utilizzatori finali e di chiunque altro entri in contatto con applicazioni e dati aziendali

«Grazie alla Okta Identity Cloud, qualunque organizzazione può connettere in modo sicuro le persone giuste alle tecnologie giuste al momento giusto» – racconta Giovanni Natalino, director Regional Alliances EMEA di Okta. «Okta è un sistema di gestione delle identità che connette ogni persona con ogni applicazione su ogni dispositivo. Il nostro obiettivo è che ogni impresa debba avere la possibilità di scegliere quali servizi usare e come utilizzarli. Traduciamo in realtà i concetti di scelta e flessibilità, grazie a un servizio integrato, nato e sviluppato nel cloud, ma compatibile con applicazioni on-premises». Il cuore di Okta è l’Okta Integration Network, che possiede più di seimila integrazioni predefinite per le applicazioni e i fornitori di infrastrutture. Con Okta, le imprese possono gestire l’autenticazione e l’identità di quanti entrano in contatto con le loro applicazioni e i loro dati, siano essi parte della forza lavoro, partner, collaboratori esterni, clienti o utilizzatori finali. «Okta – prosegue Natalino – offre soluzioni per casi d’uso illimitati, ma principalmente ci concentriamo sulla gestione e sulla messa in sicurezza di due gruppi: la forza lavoro – impiegati, collaboratori esterni, partner – e i clienti di qualunque impresa».

VALORE PER LE IMPRESE

Attraverso le soluzioni di workforce identity, Okta offre ai dipartimenti IT di un’azienda la possibilità di gestire e autorizzare in modo sicuro l’accesso a informazioni privilegiate e applicazioni per impiegati e terze parti. La suite di workforce identity include diversi moduli di single sign-on, adaptive multi-factor authentication, lifecycle management, universal directory e API access management. Con l’offerta di customer identity, Okta fornisce alle imprese soluzioni sicure per l’engagement di partner, clienti e consumatori di ogni tipo. I tools API di Okta funzionano come fondamenta dell’identità per applicazioni web o mobile, permettendo agli sviluppatori di creare esperienze per ambienti B2B e B2C e lasciando i responsabili IT e sicurezza concentrati esclusivamente sulla gestione centralizzata delle policy di security». «I partner sono al centro di tutto quanto facciamo in Okta» – conclude Natalino. «Per adempiere alla nostra missione di promuovere la gestione dell’identità e per aiutare ogni tipo d’impresa a essere più protetta, cerchiamo partner che rappresentino al meglio il nostro approccio customer-first e i nostri valori. Bludis si occupa da anni della distribuzione di software di sicurezza, è un’azienda nota per il suo successo. Siamo fieri di collaborare con loro per rendere l’identity management realtà per le imprese italiane».

LA PARTNERSHIP CON BLUDIS

Dopo aver capito che cosa può fare Okta per le imprese italiane, cerchiamo di conoscere meglio questa realtà e la partnership con Bludis. Fondata a San Francisco nel 2009 da Todd McKinnon, in precedenza a capo del team di engineering di Salesforce, e da Frederic Kerrest – oggi – Okta è una public company con oltre seimila clienti e più di 1700 impiegati in tutto il mondo. Come specialista nell’identity management in area workforce e customer, vanta molte referenze importanti tra cui gli aeroporti di Gatwick e Dubai, Engie, Merz Pharma, Zurich, Adobe, Experian, Oxfam. Nel completamento della strategia di canale, Okta ha scelto Bludis come partner per mettere in pratica il piano di go to market in Italia. Da oltre 20 anni nella distribuzione di soluzioni ICT, Bludis coniuga forza commerciale, assistenza e formazione. Nel panorama dei DAV, Bludis si distingue per essere un distributore “anomalo”, considerando il forte sbilanciamento sulla parte tecnica e di know-how rispetto alla parte commerciale, che caratterizza invece il ruolo classico di distributore. E questo la dice lunga su Bludis: non un “box mover” monolitico ma un partner capace di dare valore a quelle soluzioni che hanno bisogno di essere conosciute prima di essere semplicemente vendute.

Leggi anche:  Pipeline, 30 anni nel segno della digital transformation