Pitti 97, Istituto Modartech e Lectra rileggono i capi iconici di Peuterey

Pitti 97, Istituto Modartech e Lectra rileggono i capi iconici di Peuterey

Il progetto ha coinvolto gli studenti dei corsi di Fashion Design, Modellistica CAD Abbigliamento e Communication Design dell’istituto di formazione con base a Pontedera e sedi diffuse nei principali distretti produttivi toscani, per i quali si sono aperte le porte delle aziende

I capi iconici di Peuterey reinterpretati dagli studenti di Istituto Modartech, grazie alla collaborazione con Lectra: in occasione di Pitti Immagine Uomo 97, la scuola di alta formazione con quartier generale a Pontedera e collaborazioni con le principali aziende dei distretti industriali della Toscana, presenta la prima capsule collection realizzata per il brand moda originario di Altopascio.

La collaborazione, che ha dato origine a un rapporto di lavoro per una studentessa Modartech, è stata presentata questa mattina a The Student Hotel, nell’ambito della networking breakfast dal titolo Talent Lab. Il progetto ha coniugato ricerca stilistica, progettazione e modellistica per la realizzazione di una collezione che ha coinvolto in prima persona gli allievi dei corsi di Fashion Design e Modellistica CAD Abbigliamento dell’Istituto Modartech, lo staff di Peuterey e Lectra, azienda leader nella digitalizzazione per i mercati fashion, furniture e automotive.

A vincere la selezione sono state per l’area Modellistica CAD, Elisa Nami, che si è guadagnata la possibilità di specializzarsi nella sede Lectra di Milano, per l’area Fashion Design, Mirgena Koci. Proprio grazie alla collezione Urban Retrò, caratterizzata da tagli e geometrie di ispirazione Sixties e Seventies e da riferimenti alle tele di Lucio Fontana, Koci è stata selezionata da Peuterey per entrare a far parte dell’ufficio stile del brand. Peuterey, marchio storico nell’outerwear conosciuto per qualità e versatilità dei suoi capi, conferma così la sua apertura all’entusiasmo ed estro dei giovani talenti, guidandoli in un percorso di formazione interno all’azienda a fianco di designer, modellisti e product manager. “E’ solo attraverso una stretta sinergia con le aziende – dichiara il direttore Alessandro Bertini – che gli studenti possono crescere come professionisti e affermarsi in un mondo sempre più competitivo come quello del fashion. L’industria della moda chiede profili sempre più specializzati e trasversali, che sappiano rispondere alle esigenze di un mercato dinamico”.

Leggi anche:  Piattaforme interoperabili, flessibili e sicure per la business continuity del procurement

Il progetto è partito da un brief con l’azienda per reinterpretare i capispalla in chiave innovativa: i mood board, le illustrazioni e i figurini tecnici realizzati grazie al software Lectra Kaledo e i modelli con il software Modaris, sono stati valutati da Peuterey e i capi finalisti sono stati realizzati in house dall’azienda. Il contest ha visto anche il coinvolgimento degli studenti del corso in Communication Design, chiamati a progettare alcune campagne di promozione online e offline per la capsule collection. “Siamo stati travolti dall’entusiasmo degli studenti – aggiunge Cristina Castelli, head of marketing communication Peuterey – abbiamo trovato molta curiosità e voglia di mettersi alla prova con il mondo del lavoro”. “Nella moda la tecnologia è imprescindibile come la creatività – afferma Caterina Rorro, direttore marketing Lectra Italia – per questo come azienda cerchiamo, attraverso progetti come questo, di formare designer che siano quanto più capaci di padroneggiare sia l’uno che l’altro strumento”.

Talent Lab è il prototipo di un nuovo format di networking tra aziende e istituto di alta formazione, nell’ambito di sinergie già collaudate nel corso degli anni. Istituto Modartech, infatti, conta su una rete di partner diffusi in un raggio di 40 km tra le province di Firenze e Pisa, territorio ricco di produzioni di alto profilo, dove gli studenti possono costruire le proprie competenze attraverso un’esperienza formativa unica. Autorizzato dal MIUR al rilascio di diplomi accademici equivalenti alla laurea breve, Modartech trova la sua sede principale nel cuore della Toscana riconosciuta in tutto il mondo per il Made in Italy, oggi al centro di un distretto dell’industria 4.0: gli ex stabilimenti industriali Piaggio a Pontedera. Da qui l’istituto di alta formazione ha intessuto relazioni con i principali distretti della regione: dal cuoio al tessile, dall’abbigliamento alla pelletteria. La più recente collaborazione, con Showmates, ha dato vita a un nuovo corso di formazione sul territorio di Scandicci, alle porte di Firenze, dove l’offerta didattica si concentra su modellistica per borse e pelletteria.

Leggi anche:  La cura del Covid-19 passa dallo smartphone