Oracle annuncia i risultati finanziari del primo trimestre fiscale 2020-2021

VMware annuncia i risultati finanziari

Oracle ha annunciato i risultati finanziari del suo primo trimestre fiscale 2020-2021 (chiuso ad agosto 2020)

Oracle Corporation ha annunciato i risultati del primo trimestre del FY21. I ricavi trimestrali totali sono aumentati del +2% su base annua in dollari e in valuta costante a 9,4 miliardi di dollari, rispetto al primo trimestre dell’anno scorso. I ricavi dei servizi cloud e del supporto licenze sono aumentati del +2% in valuta corrente e in valuta costante a 6,9 miliardi di dollari. I ricavi delle licenze cloud e on-premise sono aumentati del +9% in dollari e del +8% in valuta costante a 886 milioni di dollari.

L’utile operativo GAAP del primo trimestre è salito del +12% a 3,2 miliardi di dollari e il margine operativo GAAP è stato del 34%. L’utile operativo non-GAAP è cresciuto del +9% a 4,2 miliardi di dollari e il margine operativo non-GAAP è stato del 45%. L’utile netto GAAP è salito del +5% a 2,3 miliardi di dollari e l’utile netto non-GAAP è aumentato del +4% a 2,9 miliardi di dollari. L’utile per azione GAAP è cresciuto del +16% a 0,72 dollari, mentre l’utile per azione non GAAP è salito del +15% a 0,93 dollari.

I ricavi differiti a breve termine sono stati pari a 9,9 miliardi di dollari. Il flusso di cassa operativo è stato di 13,1 miliardi di dollari, negli ultimi 12 mesi.

“Il primo trimestre è stato fantastico, con ricavi totali che hanno battuto le stime di oltre 150 milioni di dollari, mentre gli utili per azione non-GAAP hanno battuto le stime di 0,07 dollari”, ha dichiarato la CEO di Oracle, Safra Catz. “Il business delle applicazioni cloud ha continuato nella sua rapida crescita del fatturato con Fusion ERP in aumento del +33% e NetSuite ERP del +23%. Oggi abbiamo 7.300 clienti Fusion ERP e 23.000 clienti NetSuite ERP nel cloud di Oracle. Anche i nostri business delle infrastrutture stanno crescendo rapidamente: ad esempio, il fatturato di Zoom è più che raddoppiato dal 4° trimestre dello scorso anno al 1° trimestre di quest’anno. Sono molto fiduciosa che i nostri ricavi aumenteranno, man mano che ci allontaneremo dall’emergenza sanitaria COVID-19”.

Leggi anche:  Indra: 15 anni nell'Indice di Sostenibilità Dow Jones

“Ritengo che il cloud di Oracle offra una tecnologia Infrastructure-as-a-Service (IaaS) migliore di qualsiasi altro fornitore di cloud”, ha dichiarato Larry Ellison, Presidente e CTO di Oracle. “E la notizia davvero buona è che non sono l’unico a pensarlo. Ecco un parere ufficiale di IDC:”.

** Nel sondaggio Industry CloudPath 2020 che IDC ha recentemente pubblicato, in cui sono stati intervistati 935 clienti di IaaS sul loro grado di soddisfazione rispetto ai migliori fornitori IaaS – tra cui Oracle, Amazon Web Services, Microsoft, IBM, Google Cloud ecc. – Oracle IaaS (OCI) ha ricevuto il più alto punteggio di soddisfazione e il più grande aumento di punteggio su base annua di tutti i fornitori IaaS. Inoltre, l’86% degli intervistati ha dichiarato di aspettarsi un aumento degli investimenti su Oracle IaaS (OCI) in futuro **.

Il consiglio di amministrazione ha dichiarato un dividendo trimestrale in contanti di 0,24 dollari per azione, per le azioni ordinarie in circolazione. Questo dividendo verrà corrisposto agli azionisti registrati alla chiusura delle attività l’8 ottobre 2020, con data di pagamento  22 ottobre 2020.

Nel commentare i risultati del primo trimestre fiscale a livello locale, Fabio Spoletini, Country Manager di Oracle Italia e Sr. VP Technology Sud- EMEA e Paesi CIS, ha aggiunto: “Anche in Italia abbiamo visto a Q1 una graduale e costante ripresa, in particolare da parte delle medie e grandi aziende che – sotto la spinta dell’emergenza sanitaria – hanno capito meglio non solo la flessibilità e resilienza che dà il cloud in generale, ma anche il valore specifico di un cloud diverso – di livello enterprise – come quello di Oracle, più sicuro e performante, con molte opzioni semplici e sicure di ‘interoperabilità’, sia con i cloud di altri vendor sia con dati e applicazioni residenti nel proprio datacenter”.

Leggi anche:  NetApp acquisirà Spot