Indra: 15 anni nell’Indice di Sostenibilità Dow Jones

Indra seconda azienda più sostenibile al mondo nel suo settore

Indra è tra le prime società nel settore Software e Servizi ed è l’unica azienda che è riuscita a rimanere nel DJSI per 15 anni consecutivi, nonostante la crescente concorrenza e i requisiti di questo indice di riferimento mondiale per la sostenibilità

Indra ha confermato per il quindicesimo anno consecutivo la sua presenza nel Dow Jones Sustainability Index (DJSI) World, l’indice di riferimento mondiale della sostenibilità a cui aspirano sempre più aziende di tutto il mondo e che si rinnova ogni anno incorporando nuovi requisiti sempre più esigenti.

Il DJSI seleziona il 10% delle società quotate più sostenibili tra le 2.500 più grandi aziende del mondo considerate come le più socialmente responsabili. Nonostante la crescente concorrenza e le maggiori esigenze, Indra è riuscita a rimanere in questa classifica per 15 anni consecutivi. Inoltre, in questa edizione si posiziona tra le prime aziende del settore tecnologico di Software e Servizi.

Indra ha ottenuto un aumento di 19 punti nel suo punteggio globale, quasi il 30% rispetto al rating dello scorso anno. La società di tecnologia ha migliorato il proprio rating in tutti i criteri valutati, considerati i più rilevanti dagli investitori, tranne che nella responsabilità fiscale, un ambito in cui Indra ha il miglior rating del settore e in cui l’anno scorso si è distinta in particolare con un punteggio al di sopra della media.

Questi risultati consolidano Indra come una delle principali aziende in ambito sostenibile e rappresentano un riconoscimento da parte della comunità degli investitori che prende le sue decisioni tenendo conto di questi criteri di sostenibilità. Si tratta di un vero e proprio traguardo, che evidenzia lo sforzo che l’azienda ha compiuto negli ultimi anni per porre la sostenibilità al centro della propria strategia, per contribuire a dare una risposta, attraverso la tecnologia, alle sfide dello sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030, per facilitare la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio e per rafforzare il suo impatto positivo sulle persone e sul pianeta.

Leggi anche:  SAP, la digitalizzazione aiuta le imprese durante la pandemia

In questa edizione 2020, Indra è una delle 18 aziende – 5 in Europa – incluse nel settore Software e Servizi.

La valutazione effettuata da SAM, l’agenzia di analisi integrata in S&P, per scegliere le aziende che fanno parte del DJSI World è ripetutamente indicata come una delle valutazioni di qualità più elevate al mondo, secondo l’analisi di SustainAbility. Inoltre, i risultati delle valutazioni – sempre più dettagliate – vengono resi pubblici, consentendo di avere una visione chiara di quali sono le aziende leader mondiali nel loro settore.

In testa alla classifica nel settore tecnologico

Al DJSI World, Indra è all’avanguardia tra le aziende tecnologiche nel settore Software e Servizi. L’azienda è leader nel suo settore nella dimensione sociale, distinguendosi in tutti gli aspetti valutati, come la gestione dei talenti, i diritti umani e le iniziative di azione sociale. Ottiene le migliori qualifiche in settori quali la gestione dell’innovazione, la tutela della privacy, il reporting sociale e ambientale, la strategia fiscale, le relazioni istituzionali (policy influence), le pratiche lavorative e lo sviluppo dei talenti.

Questo premia gli sforzi di Indra per continuare a migliorare la sua corporate governance e il suo impegno ambientale, nonché per trasformare la propria cultura, mettendo le persone al centro della sua strategia e promuovendo, tra l’altro, l’innovazione, la diversità, la flessibilità, la formazione e lo sviluppo di professionisti e la conformità alle normative. Per quanto riguarda l’ambiente e la lotta al cambiamento climatico, ci sono molti esempi di soluzioni Indra che hanno un impatto su settori come la mobilità sostenibile, l’efficienza energetica, le città meno inquinanti o la protezione dell’ambiente.

Leggi anche:  SIA: approvati i risultati finanziari consolidati al 30 giugno 2021

Oltre a far parte del Dow Jones Sustainability Index World, Indra ha recentemente rinnovato la sua presenza nel FTSE4Good, un altro dei più importanti indici per la valutazione della responsabilità d’impresa delle aziende. Per il secondo anno consecutivo, Indra ha ottenuto il punteggio più alto nella corporate governance e nelle misure anticorruzione, dove la sua performance è considerata “best practice”. Infine, ha un punteggio alto nella lotta ai cambiamenti climatici, nella gestione del rischio e negli standard lavorativi.

Un ambizioso Piano per la sostenibilità

Indra continua a lavorare per rafforzare la sua leadership nella sostenibilità e per trasformarla in un elemento strategico e differenziale. Per questo ha progettato un nuovo e ambizioso Master Plan di Sostenibilità per il periodo 2020-2023 che mira a rafforzare il proprio modello di governance responsabile, a rafforzare la sua tecnologia con un impatto sullo sviluppo sostenibile e a contribuire attivamente alla lotta al cambiamento climatico e alla protezione dell’ambiente. Mira inoltre a rafforzare il rapporto con i diversi stakeholder, quali professionisti, investitori, clienti, partner, fornitori e la società in generale, rafforzando la creazione di valore a lungo termine per tutti loro e promuovendo un dialogo fluido e trasparente.

Per raggiungere questi obiettivi, il Piano stabilisce un totale di 28 iniziative specifiche articolate in sette pilastri, con KPI e indicatori dettagliati per misurare il punto di partenza e l’evoluzione. I pilastri sono: Buon governo, etica e trasparenza; Pianeta e cambiamento climatico; Persone e talento; Impegno sociale e comunitario; Offerta tecnologica con impatto; Relazioni con gli stakeholders e trasformazione culturale.