innovaphone, flessibilità e personalizzazione per le comunicazioni aziendali

innovaphone, flessibilità e personalizzazione per le comunicazioni aziendali

In un mondo che offre infinite soluzioni, la presenza di una piattaforma modellabile rappresenta un valore aggiunto per semplificare il lavoro da remoto

innovaphone myApps Cloud, lo spazio di lavoro a misura di clienteAl giorno d’oggi, è molto semplice perdersi tra le mille offerte presenti nel mercato della comunicazione professionale. Con il repentino switch da lavoro tradizionale, in ufficio, a quello casalingo, in remote o smart working, tante aziende hanno dovuto dotare i propri dipendenti e collaboratori di un sistema di comunicazione che sopperisse alla mancanza di fisicità e prossimità. Il problema è proprio questo: può accadere, adesso più che mai, che non si facciano le scelte giuste, che si pensi che una soluzione valga per tutte le esigenze lavorative, escludendo magari altre alternative e possibilità. «Parlare di nuova era del lavoro da remoto è sicuramente corretto, al di là dei trend topic» ci dice Valentina Gallio, Area Sales Manager Italy di innovaphone. «Ma c’è da considerare che questo pezzo di trasformazione digitale sottende, o almeno dovrebbe sottendere, dei processi preliminari, che aiutino a intraprendere il percorso più corretto in fase di adozione strumentale». Ed è il motivo per cui, negli anni, innovaphone ha lavorato non solo per “vendere” prodotti e servizi, ma per accompagnare il cliente verso il miglior approccio possibile alla comunicazione, che si tratti di tool per la produttività in ufficio che dall’esterno, avendo colto già da tempo l’ascesa del business “anywhere and anytime”, slegato dai vecchi paradigmi di spazio e tempo.

I vantaggi di myApps

«Su questo concetto si basa la piattaforma myApps, una sorta di contenitore, altamente personalizzabile, che semplifica il trasferimento di quello che è l’ufficio sul dispositivo dell’utente finale» prosegue Gallio. «L’obiettivo è di non porre limiti all’accesso al lavoro, che si possegga un computer, un tablet o un telefonino: basta conoscere la propria identità digitale in azienda per loggarsi con facilità, senza grosse conoscenze tecniche». Il vantaggio di myApps è la sua estrema customizzazione. Il client riunisce in un ambiente di collaborazione e comunicazione uniforme programmi e applicazioni di ogni tipologia: app per collaborare, comunicare e amministrare possono essere attivate e utilizzate secondo varie necessità, dall’interfaccia e in ogni luogo e con qualsiasi dispositivo è sempre possibile accedere agli stessi dati e alle medesime informazioni aggiornate. Guarda il video innovaphone myApps.

Leggi anche:  Tutti i trucchi Excel per diventare un vero pro

Peculiare è poi la possibilità di utilizzare le applicazioni anche in modalità standalone, fuori dal contenitore che è myApps. «Ad esempio RCC App, ossia Remote Call Control, che permette di impostare dispositivi esterni nell’innovaphone myApps e usarli come terminali nell’home office, per essere sempre raggiungibile allo stesso numero, verso un dispositivo di scelta dell’utente, tra telefono, smartphone o tablet. Particolarmente utile quando si è in una zona mal servita da un operatore mobile e si vogliono delegare le telefonate in ingresso e in uscita a un telefono tradizionale, “loggato” però col numero aziendale». RCC App fa parte dimyApps, una piattaforma grafica che fa da scrivania virtuale, dove sono presenti le applicazioni che l’azienda reputa necessarie per l’attività di un dipendente, a scelta e ancora una volta, personalizzabili, per ogni dipendente.

Uno sguardo al futuro

Il beneficio delle soluzioni offerte da innovaphone è nella loro veste camaleontica, capaci di adattarsi al singolo momento ma anche di cambiare, per migliorarsi. Su tale pillar poggia uno degli aggiornamenti che l’azienda ha già previsto per il prossimo futuro e che si pone nell’ottica di servire ancora meglio le persone, come “one platform”. «L’ecosistema di myApps funziona con un server proxy innovaphone e risoluzione interna del DNS, che non necessita di una VPN» afferma il manager. «Tuttavia, può capitare che un utente abbia la necessità di collegarsi a una rete privata per accedere a file di lavoro che non è possibile raggiungere altrimenti. Per questo, è stato già previsto un update nel quale inserire l’opportunità di attivare una VPN direttamente per il tramite di myApps, così da non dover uscire dall’interfaccia ma avere tutto in automatico attivo a bordo». E, punto non così comune sul mercato, senza dover acquistare licenze ulteriori: «Vogliamo che i clienti abbiano accesso a tutti i servizi principali sin da subito; poi saranno loro a decidere quali attivare, quando e a che tipologia di utilizzatore. Software phone, remote control, phone app (per controllare il telefono da PC), chat, condivisione dello schermo, la visualizzazione degli stati, call list, fax app, casella vocale e molto altro sono solo alcune delle funzionalità attive di default.

Leggi anche:  Cresce l'offerta che il Gruppo Zucchetti rivolge al mercato hospitality

Spronati all’innovazione

«Remote e smart working non sono mai stati un problema solo dal lato del cliente finale ma anche dell’installatore. Il motivo? Tante situazioni, ancora oggi, necessitano di interventi tecnici che richiedono tempo e costi, non sempre considerati necessari. Il cambiamento imposto dai mesi che stiamo vivendo ha, in un certo modo, accelerato l’innovazione, spronando le persone ad attivarsi per risolvere problemi di comunicazione in maniera veloce e concreta. Uscire dalla zona di comfort è stato indispensabile, anche per riprendersi da un’impasse iniziale, dando anche maggior valore a ciò che possono dare i system integrator con le loro competenze».