iOS 15 dirà addio ad altri iPhone

iOS 15 dirà addio ad altri iPhone

Non è passato nemmeno un mese dal lancio degli iPhone 12 ma l’attenzione è già rivolta al prossimo aggiornamento del sistema operativo

Quando si tratta di tempistiche di lancio degli aggiornamenti di iOS, Apple spesso lascia passare un anno tra una release e l’altra, rendendo disponibile il big update con l’arrivo di una nuova generazione di iPhone. Ogni volta, c’è da dire addio ad un vecchio modello di smartphone, non più supportato dalla Mela. Pare che, spulciando la beta di iOS 15 ottenuta da qualche esperto, nel 2021 non si potranno più aggiornare gli iPhone 6S, iPhone 6S Plus e l’iPhone SE originale.

Questo è quanto secondo le indiscrezioni di The Verifier – un sito con un track record misto di perdite di Apple – che suggerisce che l’aggiornamento di iOS 15 arriverà il prossimo anno e sarà disponibile solo per iPhone 7 o successivi. Inizialmente ci si aspettava che la serie iPhone 6S perdesse l’aggiornamento già a iOS 14, ma la società ha deciso di tenerlo per un anno in più, quindi è più che plausibile il rientro nella prima black list a disposizione. Se la storia non ci inganna, iOS 15 verrà svelato alla conferenza per sviluppatori WWDC 2021, che probabilmente avrà luogo a giugno del prossimo anno, anche se non è chiaro se in presenza o solo online.

Cosa aspettarsi

Si prevede quindi che l’aggiornamento del software verrà lanciato in una beta per sviluppatori subito dopo, con la società che porterà il software ufficiale a tutti verso l’ultimo trimestre del 2021, insieme all’evento di lancio di iPhone 13. Tutto molto coerente e, in realtà, privo di grosse sorprese, perché Apple è solita eliminare una generazione di smartphone dal suo programma di aggiornamento ogni anno e la serie iPhone 6S ha ormai più di cinque anni.

Leggi anche:  Ora la collaborazione aziendale diventa “mission critical”

Probabilmente non sapremo con certezza quali telefoni saranno compatibili fino a giugno del prossimo anno, quando la società presenterà ufficialmente il software al mondo, ma la notizia è di per sé già un buon motivo, per i possessori dei modelli sopracitati, di iniziare a pensare a qualcosa di nuovo, magari approfittando delle imminenti offerte del Black Friday.