VMware presenta la Modern Network per il data center e il cloud networking

Nutanix estende i servizi di storage alla sua piattaforma cloud ibrida

VMware annuncia importanti novità della Virtual Cloud Network per consentire una migliore esperienza nel cloud pubblico e soddisfare al meglio le esigenze di applicazioni e utenti

VMware ha presentato il framework per la Modern Network per consentire alle aziende e ai loro team di sviluppo IT e applicativo di accelerare l’adattamento a una nuova normalità. Per aiutare i clienti a realizzare una propria rete moderna, VMware ha anche annunciato ulteriori miglioramenti ai suoi prodotti e servizi di virtual networking.

Per le aziende di oggi, la capacità di rispondere rapidamente e a costi contenuti ai cambiamenti è fondamentale. Gli sviluppatori di applicazioni devono implementare, testare e continuare a far girare rapidamente le applicazioni. L’infrastruttura che alimenta le applicazioni deve fornire l’efficienza dei modelli operativi del cloud. Le applicazioni devono funzionare ovunque, dal cloud privato al cloud pubblico all’edge computing, e l’esperienza dell’utente deve essere eccellente, indipendentemente da dove ci si trovi. I modelli di rete tradizionali basati sull’hardware non soddisfano le esigenze delle moderne realtà aziendali. Il framework Modern Network risponde a tutte queste esigenze.

La Virtual Cloud Network incarna il framework della Modern Network. Oltre 18.000 organizzazioni hanno modernizzato le proprie reti utilizzando la soluzione di Virtual Cloud Network di VMware. Questi clienti stanno abbracciando un modello operativo cloud facendo girare carichi di lavoro con una automazione completa, eliminando settimane e mesi di attesa per aggiornare un firewall o un load balancer. Inoltre, stanno virtualizzando tutto, dal data center alla filiale, fino all’utente finale. La Virtual Cloud Network offre alle organizzazioni una soluzione end-to-end per distribuire le applicazioni e assicurarsi che vengano eseguite in modo ottimale ed efficiente, consentendo al contempo un’ottima esperienza utente.

“I nostri clienti devono gestire in modo efficiente il rapido passaggio al lavoro da remoto, fornire applicazioni in modo più veloce e sicuro e ridurre i costi e la complessità della connessione e della protezione dell’impresa distribuita”, ha dichiarato Rajiv Ramaswami, chief operating officer products and cloud services di VMware. “Il framework Modern Network permette ai nostri clienti di fare questo. Rivoluziona il vecchio modo di pensare le reti come appliance hardware, switch e router nelle reti aziendali e, invece, adotta una visione dall’alto verso il basso che mette gli utenti e le applicazioni al primo posto. Questa è la promessa che stiamo mantenendo con la Virtual Cloud Network”.

Il quadro di riferimento della rete moderna

Nel modello tradizionale, una rete è assemblata a partire da dispositivi distinti – interruttori, router, firewall, sistemi IDS/IPS, load balancer e altro ancora – che sono distribuiti separatamente e tipicamente configurati manualmente utilizzando sistemi di ticketing. Si tratta di una vista dal basso verso l’alto, che richiede all’applicazione di utilizzare qualunque cosa l’infrastruttura abbia disponibile. Il framework Modern Network ha una vista dall’alto verso il basso, creando una rete che comprende le esigenze dell’applicazione e che gestisce l’infrastruttura in maniera programmatica per soddisfare tali esigenze. Il framework Modern Network è descritto da tre pilastri chiave.

Il primo pilastro, Modern Application Connectivity Services, consente agli sviluppatori di collegare i microservizi di un’applicazione moderna in modo più sicuro, riducendo la latenza, aumentando la sicurezza e mantenendo la disponibilità delle applicazioni. Ciò avviene con strumenti self-service che gli sviluppatori possono utilizzare senza l’aiuto dell’IT centrale.

Leggi anche:  L'innovazione cloud e data center di Nutanix

Al di sotto di questo, il pilastro Multi-cloud Network Virtualization fornisce una serie completa di servizi di rete essenziali che sono completamente automatizzati e definiti dal software. Questi servizi includono tutte le funzioni di rete essenziali, tra cui la sicurezza e il load balancing. La virtualizzazione e gli analytics si estendono da un capo all’altro, dal data center alla filiale, fino all’utente finale. L’automazione non si applica solo all’orchestrazione di un carico di lavoro, ma anche alle operations day two.

Nonostante le astrazioni a livello di microservizi del primo pilastro e l’infrastruttura di rete software di scale-out del secondo pilastro, alla base i pacchetti devono ancora viaggiare attraverso i cavi. Il pilastro Physical Network Infrastructure è tutto incentrato sulla fornitura di connettività ad alta capacità e bassa latenza. Si tratta di lasciare che il software faccia il suo lavoro.

Nella Modern Network, la sicurezza è intrinseca in ogni pilastro.

Considerati nel loro insieme, i tre pilastri e i principi da essi enunciati sono alla base delle architetture di cloud pubblico. VMware li rende disponibili in ogni cloud.

La Virtual Cloud Network è una rete moderna, ed è appena stata resa migliore

La Virtual Cloud Network, alimentata dalla famiglia di prodotti VMware NSX, consente l’esperienza del cloud pubblico per i carichi di lavoro in esecuzione in ambienti privati e multi-cloud. Proprio come nel cloud pubblico, NSX consente la distribuzione automatica dell’intero carico di lavoro. NSX fornisce servizi di infrastruttura definiti interamente dal software, forniti su server general purpose e integrati nella pipeline CI/CD in modo che i servizi siano distribuiti automaticamente con l’applicazione. Le aziende possono ora distribuire l’intero carico di lavoro con un solo clic senza aprire ticket che potrebbero richiedere settimane di lavoro manuale per la chiusura.

Per raggiungere questo livello di operation cloud, VMware NSX offre l’unico stack di virtual networking L2-7, completo di switch, router, firewall, analytics di sicurezza, load balancing avanzato e container di rete. VMware estende la Virtual Cloud Network per connettere e proteggere i moderni ambienti applicativi con VMware Tanzu Service Mesh e il supporto per Project Antrea, un progetto open source che consente il networking e la sicurezza di Kubernetes ovunque Kubernetes venga eseguito. La Virtual Cloud Network gira su server non virtualizzati bare metal, VM, container e su qualsiasi cloud.

La Virtual Cloud Network non si ferma al data center. La piattaforma VMware SASE fa convergere VMware SD-WAN, sicurezza in-the-cloud e accesso alla rete zero trust con la migliore sicurezza web della categoria per offrire flessibilità, agilità e scalabilità e supportare un lavoro da qualsiasi luogo. Con VMware vRealize Network Insight e VMware Edge Network Intelligence, la Virtual Cloud Network include analytics avanzate che consentono di migliorare l’uptime e la resilienza della rete e di velocizzare la risoluzione dei problemi. vRealize Network Insight è in grado di misurare la durata di un pacchetto dal database fino all’utente finale, passando per l’infrastruttura sia fisica che virtuale; una capacità unica che rende più semplice la risoluzione dei problemi.

Leggi anche:  Cloud, le previsioni per il 2021

Oggi VMware ha annunciato le seguenti novità per il portafoglio della Virtual Cloud Network:

Estendere la soluzione per la the Future Ready Workforce con le Subscription VMware SD-WAN Work from Home

Oggi è considerato “ufficio” qualunque posto in cui un utente possa connettersi alla rete aziendale per accedere alle risorse di cui ha bisogno, anche a casa. VMware sta estendendo la soluzione Future Ready Workforce con le subscription VMware SD-WAN work from home, che offriranno ai singoli utenti aziendali una connettività di rete ottimizzata, prestazioni delle applicazioni più sicure e una maggiore sicurezza a un prezzo conveniente. Partendo da un prezzo inferiore al costo di una linea telefonica mobile e con una larghezza di banda che va da 350Mbps a 1Gbps, i nuovi abbonamenti consentono agli utenti aziendali di ottenere le migliori prestazioni delle applicazioni lavorando da casa.

Nuove funzionalità per la connessione, la protezione e la scalabilità automatica delle moderne applicazioni

Le applicazioni moderne hanno migliaia di componenti che devono essere collegati e protetti. VMware Tanzu Service Mesh è una nuova ed entusiasmante tecnologia che controlla la comunicazione tra ciascuna delle migliaia di componenti, applicando la policy di sicurezza e misurando le prestazioni e altre funzioni critiche, indipendentemente dall’infrastruttura sottostante. VMware annuncia un’anteprima di un modello di policy Attribute-Based Access Control che porterà la semplicità del “chi, cosa, dove, quando e come” nella moderna creazione di policy per le applicazioni.

Inoltre, VMware annuncia l’integrazione di NSX Advanced Load Balancer con Tanzu Service Mesh. Questa integrazione permetterà agli sviluppatori di applicazioni che utilizzano Kubernetes di lanciare un’applicazione con tutte le capacità di bilanciamento del carico richieste senza dover mai toccare l’infrastruttura. Guidata dalle API, questa soluzione combinata fornirà un’alta disponibilità e sicurezza per le moderne applicazioni attraverso il bilanciamento del carico e le capacità del firewall delle applicazioni web.

Infrastruttura che misura e aggiusta se stessa

Gli utenti e le moderne applicazioni si aspettano che la rete “funzioni e basta”. Quando l’infrastruttura è virtualizzata, può effettivamente adattarsi ai cambiamenti e ripararsi da sola. La tecnologia VMware SD-WAN prende molteplici connessioni di rete inaffidabili e le fa agire come un’unica rete ad altissime prestazioni. Per un lavoro da parte di un utente domestico, questo significa che le applicazioni di collaborazione video funzionano semplicemente per tutto il tempo. Nel data center, il software di monitoraggio e gestione VMware include ora nuove e potenti funzionalità di modellazione di rete che fungono da “controllo pre-volo” per verificare che un’applicazione sia raggiungibile sia attraverso l’infrastruttura fisica che virtuale. Insieme, queste nuove funzionalità, oggi disponibili, rendono la risoluzione dei problemi più rapida ed efficiente e rappresentano un passo importante verso l’autoriparazione delle reti.

Leggi anche:  TWT collabora con Equinix per fornire servizi cloud gestiti alle imprese

Virtualizzazione della rete che funziona su SmartNIC per la prossima generazione di server

VMware ha annunciato Project Monterey, una collaborazione con i principali fornitori di hardware per fornire la virtualizzazione di reti e server che gira su uno SmartNIC. Questa nuova architettura promette un salto in avanti nella potenza e nell’efficienza di calcolo, oltre che nella sicurezza pervasiva e distribuita. Le funzioni di virtualizzazione e sicurezza sono scaricate sullo SmartNIC, liberando i cicli di CPU per l’esecuzione delle applicazioni e creando un significativo risparmio sui costi. VMware annuncia che il firewall NSX Services-Defined Firewall eseguito su uno SmartNIC di Monterey sarà in grado di eseguire servizi firewall di livello 4 a velocità di linea. Questi stessi SmartNIC saranno anche in grado di eseguire firewall stateful Layer 7, così come le firme IPS curate di VMware. Questa capacità permetterà ai clienti aziendali di collegare un firewall ottimizzato, ultra-veloce e ultra-smart ai loro carichi di lavoro più preziosi – le applicazioni di database che contengono i loro dati sensibili.

“IDC sta vedendo che il metodo tradizionale definito dall’hardware e centrato sul dispositivo per costruire, far funzionare e proteggere le reti è stato soppiantato da un approccio basato sul cloud e sul software. Infatti, una ricerca di IDC mostra che, entro il 2023, oltre il 55% delle imprese sostituirà modelli operativi obsoleti con modelli cloud-centrici che facilitano piuttosto che inibire la collaborazione organizzativa”, ha dichiarato Brad Casemore, research vice president, data center and multicloud networking di IDC. “Gli approcci basati sul software come quello della VMware Virtual Cloud Network possono aiutare i clienti a modernizzare sia l’infrastruttura di rete che il modello operativo, attraverso i cloud, i data center e l’azienda estesa”.

“In occasione di grandi eventi sportivi dobbiamo essere in grado di scalare centinaia di applicazioni in pochi secondi e offrire ai clienti un’esperienza coerente, affidabile e sicura”, ha dichiarato Ben Fairclough, lead infrastructure architect di William Hill. “VMware ci fornisce una rete moderna che ci permette di automatizzare l’implementazione di funzionalità critiche di micro-segmentazione attraverso NSX Distributed Firewall utilizzando le API. Una stretta integrazione nel nostro ambiente significa che i nostri sviluppatori conoscono e comprendono come le politiche di sicurezza vengono messe insieme per semplificare l’intera sequenza di implementazione. Il nostro lavoro con VMware ci dà la certezza che la nostra postura di sicurezza sia la più rigorosa possibile durante la distribuzione delle applicazioni in tempi molto rapidi”.

“Strumenti come il load balancer basato sul software di VMware ci forniscono quella funzionalità di prossima generazione per scalare dinamicamente la capacità di throughput fino a dove deve arrivare”, ha dichiarato Zack Milem, cloud solution architect di Trend Micro. “Collegando i nostri prodotti alle moderne componenti di rete di VMware, Trend Micro crea un’esperienza senza soluzione di continuità in cui le business unit e i nostri utenti finali possono accedere alle applicazioni e alla capacità dell’infrastruttura in qualsiasi momento, ovunque si trovino”.