Ecco perché ieri Microsoft Teams ha smesso di funzionare per migliaia di persone

Microsoft renderà il 2021 l'anno di Teams

Come da calendario, la piattaforma di collaborazione non funziona più per chi usa Internet Explorer 11, e non si tratta di pochi utenti

Microsoft Teams is divide con Zoom il titolo di principale regina delle piattaforme per la collaborazione professionale nel 2020. Sappiamo benissimo quanti strumenti del genere si siano posti come essenziali per effettuare quelle attività che prima eravamo soliti portare avanti in ufficio, di persona, tra riunioni e briefing. E forse per questo, Microsoft ha deciso di assicurare meglio le maglie del suo client, rendendo impossibile l’utilizzo per chi naviga ancora con Internet Explorer 11.

Come da calendario, Microsoft aveva già annunciato all’inizio dell’anno la mossa, entrata in vigore ieri, 30 novembre. Per continuare a usare il servizio, gli utenti dovranno passare a Microsoft Edge per accedere a Teams in un browser. Oltre a Microsoft Teams, Explorer non sarà più in grado nemmeno di accedere ai servizi di Microsoft 365 in futuro.

Passaggio obbligato

Al di là delle evidenti strategie di marketing, che intendono portare le persone verso Microsoft Edge, la fine del supporto per vari progetti di Redmond a IExplorer 11 è anche un fatto di sicurezza. Quando i tecnici non pubblicano più aggiornamenti per tappare vulnerabilità, è sempre sconsigliato continuare a navigare con software obsoleti, per gli evidenti rischi (spesso inconsapevoli) a cui si va incontro. Microsoft aveva affermato in precedenza: “Stiamo annunciando che le app e i servizi di Microsoft 365 non supporteranno più Internet Explorer 11 (IE 11) entro il prossimo anno”.

“A partire dal 30 novembre 2020, l’app Web di Microsoft Teams non supporterà più IE 11. Dal 17 agosto 202, le restanti app e servizi di Microsoft 365 non supporteranno più IE 11. Sebbene sappiamo che questo cambiamento sarà difficile per alcuni clienti, riteniamo che questi otterranno il massimo da 365 quando utilizzeranno il nuovo Microsoft Edge. Ci impegniamo a rendere la transizione il più agevole possibile”.

Leggi anche:  Facebook contro Apple per l’opt-out del monitoraggio

Vale la pena ricordare che, secondo i dati di StatCounter, ad oggi è l’1,05% degli utenti totali il numero di chi usa ancora Internet Explorer mentre per Netmarketshare la percentuale è addirittura sopra il 4%, in crescita rispetto al trimestre precedente.