Nel 2020 in Italia gli attacchi ai Remote Desktop Protocol sono cresciuti del 280%

Kaspersky indaga sulle minacce diffuse tramite i titoli della saga di Star Wars

Secondo quanto emerso dal report di Kaspersky “Story of the year: remote work”, rispetto allo scorso anno, in Italia, è stata registrata una crescita del 280% degli attacchi di forza bruta sui protocolli RDP (Remote Desktop Protocol) per un totale di 174 miliardi di file dannosi mascherati da applicazioni di comunicazione aziendale

Il numero elevato di dipendenti in smart working ha favorito la nascita di nuove vulnerabilità che i criminali informatici hanno prontamente sfruttato. Il volume del traffico aziendale è cresciuto e gli utenti, per svolgere il proprio lavoro e scambiare dati con i colleghi, si sono spesso affidati a servizi di terze parti o a reti Wi-Fi potenzialmente non sicure.

Un’altra sfida per i team di sicurezza informatica è stata, indubbiamente, il numero elevato di persone costrette ad utilizzare strumenti per l’accesso da remoto. Uno dei protocolli più popolari a livello applicativo per l’accesso alle workstation o ai server Windows è il protocollo proprietario di Microsoft, RDP. Durante il primo lockdown, il numero dei computer configurati in modo non corretto e messi a disposizione dei dipendenti per lavorare da remoto è cresciuto in modo esponenziale e di conseguenza sono aumentati anche gli attacchi informatici a loro rivolti. La tipologia di attacchi riscontrati nella maggior parte dei casi era di tipo forza bruta. Si tratta di attacchi che cercano di individuare le credenziali di accesso ad un account provando quante più combinazioni di caratteri possibile fino a trovare quella corretta. Questi attacchi mirano a ricavare lo username e la password per accedere ai protocolli RDP e quindi ad ottenere l’accesso da remoto al computer violato.

A partire dall’inizio di marzo di quest’anno, in Italia il numero di rilevamenti Bruteforce.Generic.RDP individuati è salito vertiginosamente, infatti nei primi undici mesi del 2020 è stato registrato un aumento di 3,8 volte rispetto allo stesso periodo del 2019. Complessivamente, tra gennaio e novembre 2020 sono stati rilevati quasi 174 miliardi di attacchi ai server Remote Desktop Protocol. Guardando allo stesso periodo del 2019, in Italia, Kaspersky aveva rilevato 45,7 milioni di attacchi di questo tipo.

Leggi anche:  L’evoluzione della cybersecurity nell’era dell’IoT

Oltre agli attacchi ai server RDP, i criminali informatici hanno preso di mira anche gli strumenti di comunicazione online sfruttati ampiamente dai dipendenti durante lo smart working. Kaspersky ha rilevato 1,66 milioni di file dannosi in tutto il mondo che sono stati diffusi attraverso false applicazioni di messaggistica e videoconferenze molto popolari e tipicamente utilizzate per il lavoro. Una volta installati, questi file caricavano principalmente adware, ovvero programmi che inondano i dispositivi delle vittime con pubblicità indesiderata con l’obiettivo di raccogliere i loro dati personali. È stato rilevato anche un altro gruppo di file camuffati da applicazioni aziendali, i Downloaders, ovvero applicazioni che non possono essere dannose, ma che sono in grado di consentire il download di altre applicazioni, dai Trojan agli strumenti di accesso remoto.

Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky ha dichiarato “Il 2020 ci ha insegnato molto. Venivamo da quello che abbiamo sempre reputato un mondo già digitalizzato eppure, nonostante ciò, la migrazione verso le piattaforme digitali non è stata per niente semplice. Quando l’attenzione si è spostata verso il lavoro da remoto anche i criminali informatici ne hanno approfittato reindirizzando i propri sforzi verso questo nuovo trend. Sono felice di constatare che il processo di adozione del lavoro da remoto sia stato veloce perché questo ha permesso al mondo di andare avanti e all’economia di non fermarsi. Oggi siamo sicuramente più consapevoli che c’è ancora molto da imparare sull’uso responsabile della tecnologia, soprattutto per quanto riguarda la condivisione dei dati”.

“Una delle maggiori sfide del 2020 è stata proprio la scarsa consapevolezza rispetto ai potenziali pericoli della rete. Il vero problema in questo caso è stata la crescita improvvisa della domanda di servizi online – siano essi legati al lavoro o ai servizi per il cibo d’asporto. Molte persone che prima di questo periodo si tenevano ben lontane dal mondo digitale hanno dovuto iniziare a utilizzare servizi online a loro sconosciuti cosi come lo erano i pericoli che avrebbero potuto incontrare in rete. Queste persone si sono rivelate, di conseguenza, le più vulnerabili durante la pandemia. Il processo di digitalizzazione ha rappresentato una grande sfida per tutto il mondo ma spero che abbia contribuito ad aumentare il livello di consapevolezza sulla sicurezza informatica tra gli utenti”, ha aggiunto Morten Lehn.

Leggi anche:  Dalla fusione di IoT e AI lo scudo cyber-resilient

Tenuto conto che lo smart working è destinato a durare ancora a lungo, Kaspersky raccomanda alle aziende di:

  • Abilitare l’accesso alla rete attraverso una VPN aziendale e, se possibile, abilitare l’autenticazione multi-fattore per rimanere protetti dagli attacchi rivolti ai server RDP.
  • Utilizzare una soluzione di sicurezza aziendale dotata di una protezione dalle minacce rivolte alla rete, come Kaspersky Integrated Endpoint Security. La soluzione include anche la funzione di ispezione del registro per configurare le regole di monitoraggio e di alert per gli attacchi di forza bruta e i tentativi di accesso non riusciti.
  • Assicurarsi che i propri dipendenti abbiano tutto ciò di cui hanno bisogno per lavorare in sicurezza da casa e sappiano chi contattare in caso di problemi informatici o di cybersecurity.
  • Programmare una formazione di base in materia di sicurezza informatica per i propri dipendenti. Il training può essere svolto online e riguarda pratiche essenziali come la gestione di account e delle password, la sicurezza degli endpoint e la navigazione sul web. Kaspersky e Area9 Lyceum hanno preparato un corso gratuito per aiutare i dipendenti a lavorare in sicurezza anche da casa.
  • Assicurarsi che dispositivi, software, applicazioni e servizi vengano aggiornati regolarmente.
  • Assicurarsi di avere accesso alle più recenti informazioni sulla threat intelligence in grado di rafforzare soluzione di protezione aziendale. Ad esempio, Kaspersky offre gratuitamente un threat data feed relativo al COVID-19.
  • Oltre agli endpoint fisici, è importante proteggere i workload nel cloud e l’infrastruttura desktop virtuale. A questo proposito, Kaspersky Hybrid Cloud Security protegge l’infrastruttura ibrida di endpoint fisici e virtuali, nonché i workload sul cloud, sia che vengano eseguiti in sede, in un data center o in un cloud pubblico. Supporta l’integrazione con le principali piattaforme cloud come VMware, Citrix o Microsoft e facilita la migrazione dai desktop fisici a quelli virtuali.
Leggi anche:  Cybersecurity: le previsioni per il 2021

È importante che anche i dipendenti osservino alcune regole durante il lavoro da remoto per rimanere protetti:

  • Assicurarsi che il proprio router supporti la trasmissione Wi-Fi a più dispositivi contemporaneamente, anche nel momento in cui più persone sono online e il traffico è intenso (come avviene quando si utilizzano strumenti di videoconferenza).
  • Impostare password complesse per il router e la rete Wi-Fi che includano una combinazione di lettere minuscole e maiuscole, numeri e punteggiatura.
  • Se possibile, lavorare solo su dispositivi forniti dall’azienda. L’inserimento di informazioni aziendali su dispositivi personali potrebbe portare a potenziali problemi di sicurezza e privacy.
  • Non condividere i dettagli del proprio account aziendale con nessun altro, anche se in qualche occasione potrebbe sembrare una buona idea per velocizzare il lavoro.
  • Per proteggere i dispositivi personali, utilizzare una soluzione di sicurezza affidabile come Kaspersky Security Cloud in grado di proteggere la privacy, i dati e le risorse finanziarie con una serie completa di strumenti e funzionalità, tra cui la VPN, la protezione dei pagamenti, il PC cleaning, il blocco di accessi non autorizzati alle webcam, il criptaggio dei file, l’archiviazione delle password, il parental control e molte altre.