Bonus 110 professionisti a portata di mano grazie a un portale web

bomus 110 professionisti
Image credit: L'ego Hub / Il Messsaggero

Nasce portale Bonus 110 : professionisti a portata di mano grazie a un portale web alimentato da big data

Districarsi nel complicato mondo edilizio italiano anche dopo il Decreto Rilancio non rappresenta più un problema grazie all’innovativo Portale Bonus 110, marketplace che attraverso la predittività dei Big Data garantisce l’incontro tra imprese edili, cantieri e tecnici, maturando domanda e offerta. Un progetto unico nel suo genere che cerca di soddisfare il bisogno di semplicità, trasparenza e urgenza all’interno del settore.

Bonus 110 : professionisti e aziende, un marketplace per la ricerca

Consentire ai clienti interessati al mondo edilizio di inserire in maniera agevole e sicura i dati del proprio immobile e cercare i professionisti che compiano i lavori, avvalendosi delle possibilità date dal bonus 110 . Questo il principale obiettivo del Portale Bonus 110 , nuovo marketplace ideato dall’azienda abruzzese Grempredictive, che sfrutta la predittività dei Big Data per creare una rete virtuale accessibile a tutti, incrociando domanda e offerta. Un’idea smart e vincente, che ha sdoganato il paradigma attuale degli e-commerce in cui manca una visione clientecentrica e che ad oggi ha attirato oltre 200 committenti in cerca di tecnici e di imprese, e ha visto l’assegnazione di 80 cantieri. Numeri in costante crescita poiché la piattaforma viene aggiornata in tempo reale.

Il progetto si rivolge a una vasta platea di persone, tra cui soggetti privati che intendono registrare il proprio immobile, tecnici alla ricerca di nuovi cantieri per il Superbonus ed imprese edili. Le operazioni vengono eseguite in maniera regolare e trasparente, in ottemperanza alle norme e ai decreti per ottenere il Superbonus 110 %. Un meccanismo sinergico che fa della trasparenza il suo valore più grande.

Leggi anche:  Parler torna online dopo il ban da Amazon

Un’idea di Graziella Di Filippo, AD e Founder di Portale Bonus 110

“Ci siamo resi conto che nel panorama attuale mancasse la salvaguardia del committente, figura principe del bonus, dalle spigolosità del sistema edilizio italiano. Per questa ragione, forte della mia esperienza nel settore e del mio know how lavorativo, ho deciso di mettermi in gioco realizzando una piattaforma user friendly che garantisse l’incontro tra edifici che necessitano di lavori e i professionisti in grado di farlo – ha spiegato l’ingegner Graziella Di Filippo, AD e Founder di Portale Bonus 110 – Il grande obiettivo del portale consiste proprio nel restituire una visione clientecentrica e creare l’intelligenza collettiva dei committenti/contribuenti, risolvendo le attuali asimmetrie informative. Si tratta di un progetto unico nel suo genere e siamo estremamente soddisfatti dei risultati raggiunti sino ad ora. Il nostro obiettivo primario sarà quello di continuare su questa strada, aiutando sempre più persone possibili a districarsi nel mondo edilizio”.

Portale Bonus 110 si avvale della Folksonomia, ovvero della costruzione di un ecosistema di dati basato su dei Tag, realizzato direttamente dagli utenti e che genera un sistema di autovalutazione. In questo modo si viene a creare un’esperienza collettiva che rappresenta il risultato dei comportamenti e delle azioni che gli utenti hanno fatto sul Portale e viene utilizzata per creare la miglior comunicazione possibile, con due obiettivi fondamentali: aumentare il numero di utenti iscritti sulla piattaforma con il maggior dettaglio degli immobili registrati dai committenti e fare in modo che tutti gli utenti sul portale abbiano un comportamento virtuoso nei confronti degli altri. Sfruttando le potenzialità dell’intelligenza artificiale, nello specifico della predittività dei Big Data, riusciamo ad automatizzare e ottimizzare le campagne di marketing. Gli algoritmi vengono regolati in tempo reale e i modelli predittivi ci aiutano a migliorare la lead generation, le vendite e capire quali contenuti comunicare ai vari pubblici.

Leggi anche:  Google ci spia? Un tool online lo rivela