Tendenze IT 2021: le Predictions di NetApp

Tendenze IT 2021: le Predictions di NetApp

Nell’edizione 2021, il CTO Brien Fondekar analizza la tendenze che caratterizzeranno l’assistenza sanitaria in un mondo post-Covid; Debra McCowan discute del ruolo dei leader, fondamentale soprattutto nei periodi di trasformazione; infine Ronen Schwartz, SVP Cloud Volumes, propone una riflessione sul ruolo di AIOPS, Intelligenza Artificiale e Machine Learning

Biren Fondekar, CTO

L’assistenza sanitaria e il mondo post-COVID

Qualcosa che crede succederà tra 5 anni e di cui nessuno parla?

“L’assistenza sanitaria a domicilio diventerà la regola. I controlli della salute si svolgeranno dalle casa con telecamere e sensori con funzioni di calcolo e di memorizzazione collegate a Internet, per creare un’esperienza di persona ma on-demand, quando meglio si adatta agli impegni di ognuno “.

Quale settore ritiene che sia cambiato di più quest’anno e perché?

“Credo che la sanità abbia subito i cambiamenti più rapidi quest’anno. Le chiusure per il COVID in tutto il mondo hanno costretto gli operatori sanitari a introdurre immediatamente la telemedicina per la maggior parte degli scenari di assistenza primaria. Anche il personale sanitario in ruoli come quello dei farmacisti ospedalieri lavora ora a distanza, con i chirurghi che mettono piede in ospedale solo quando è il momento di eseguire un intervento. Tutto ciò che non richiede cure pratiche viene eseguito a distanza. Questi tipi di cambiamenti continueranno, accelerando la digitalizzazione dell’assistenza sanitaria”.

“Sono settori che offrono servizi grazie ai quali le persone possono stare a casa o distanziarsi dalle altre persone. In passato venivano chiamati ‘servizi di convenienza’, vedi Grub-Hub/Uber Eats/DoorDash, e hanno aperto la strada a questo tipo di modello di servizio. Questo modello ora è stato sperimentato, adottato e scalato da così tante imprese che ci aspettiamo che i futuri modelli di business ruoteranno intorno al concetto o all’idea di ‘che servizio può offrire la persona 1 per la persona 2, in modo che la persona 2 non abbia bisogno di lasciare il comfort della propria casa'”.

Leggi anche:  Oracle, la digitalizzazione trainerà la ripresa

Crede che dopo il COVID ci sarà una nuova normalità? Se sì, come pensa che sarà? O pensa che torneremo a come erano le cose prima del COVID?

“Le applicazioni che supportano il B2C e il B2B dovranno impiegare metodi per consentire connessioni internet a bassa larghezza di banda e ad alta latenza, dato che gran parte della forza lavoro continuerà a lavorare da casa in un ambiente di lavoro da colletti bianchi ‘post COVID’ “.

Qual è stato, secondo lei, l’impatto più interessante del COVID sul nostro settore?

“L’accelerazione della trasformazione digitale. La consapevolezza che i lavoratori della conoscenza possono essere produttivi al di fuori di un ufficio tradizionale, i grandi affari di vendita in qualsiasi settore possono essere fatti a distanza, senza cene di lusso e golf, e i consumatori possono soddisfare quasi tutte le loro esigenze online. Questo accelera notevolmente la necessità di digitalizzare e quella di gestire più dati”.

“Le comunicazioni interpersonali e a livello di team sono migliorate notevolmente! Spostamenti e riunioni di persona non sono necessari per commercializzare, vendere, fare strategia o eseguire con successo. Questo ha permesso una maggiore diversità nei nostri impegni e ha ridotto la “polarizzazione della localizzazione”. Un tempo, se si era locali, le conversazioni da corridoio erano un ottimo modo per essere informati, ma hanno lasciato fuori troppe persone e hanno diminuito gli input preziosi e diversificati.  Ora una chiacchierata veloce e una stanza su Zoom ricreano un’atmosfera di conversazione da corridoio con un maggior numero di persone giuste coinvolte in qualsiasi momento”.

Debra McCowan, SVP, Chief Human Resources Officer

Il ruolo dei leader

“La leadership ha il ruolo strategico di garantire l’agilità del business attraverso qualsiasi trasformazione. Dobbiamo restare attenti e sensibili ai pensieri e ai sentimenti dei nostri dipendenti, assicurandoci di prendere decisioni prima di tutto come persone e non semplicemente come imprese. È vero che le risorse e le tattiche che le organizzazioni utilizzano per raggiungere l’agilità, senza sacrificare il comfort e la sicurezza della loro forza lavoro, si stanno evolvendo man mano che entriamo nel nuovo anno; a prescindere, il comfort e la sicurezza dei nostri dipendenti hanno la precedenza, anche alla luce delle notizie riguardanti i vaccini. L’aumento dell’attenzione e della spesa per garantire che il lavoro da casa sia sostenibile, a livello professionale e personale, è evidente e inevitabile in tutto il mondo. Inoltre, possiamo osservare la continua evoluzione dei tradizionali “vantaggi del lavoro” nel prossimo futuro, con un maggior numero di datori di lavoro che offrono applicazioni per il benessere personale e la terapia, l’accesso training di ergonomia e guide alla meditazione, orari di lavoro flessibili e tutor virtuali per i figli dei dipendenti, nel tentativo di sostenere la loro forza lavoro e di attrarre nuovi talenti, alla ricerca di un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata in un mondo post-COVID”.

Leggi anche:  BenQ sostiene il FAI nella promozione della bellezza

“Il 2020 ha messo alla prova i leader. Si sono presentate sfide diverse da quelle incontrate nella storia recente, che hanno costretto i leader a rivalutare il loro legame con l’azienda, i dipendenti, i clienti e il pubblico. I leader sono emersi da queste sfide con più di una semplice attitudine finanziaria, un pensiero strategico o altre caratteristiche “tradizionali” dei CEO; nel 2020 i leader aziendali hanno dimostrato un’abilità chiave che definisce la capacità dei CEO di successo: l’intelligenza emotiva. Il 2021 sarà un anno in cui molte aziende lavoreranno per ricostruire ciò che è andato perso a causa della pandemia. Di conseguenza, possiamo aspettarci che le organizzazioni i cui leader applicheranno la propria intelligenza emotiva per restare connessi e radicati alla loro forza lavoro saranno premiate con una maggior prosperità”.

Ronen Schwartz, SVP Cloud Volumes

AIOPS, Intelligenza Artificiale e Machine Learning

“Nel 2021, ottimizzazione autonoma e AIOps saranno gli eroi non celebrati della forza lavoro a distanza. Già oberati di lavoro e sottoposti a pressioni sui costi, le applicazioni e i team IT saranno sempre più spesso incaricati di monitorare la loro infrastruttura per garantire che non si verifichino sovraccarichi tra l’applicazione remota e l’utilizzo di VDI. Gli strumenti tradizionali si sono basati di norma su regole inflessibili, il che ha reso difficile monitorare, ottimizzare e risolvere i problemi degli ambienti cloud ibridi in un periodo in cui c’è stato un enorme aumento di dati e le sfide inaspettate poste dal COVID-19. Vedremo un aumento di proprietari di applicazioni che preferiranno un’infrastruttura che ottimizzi continuamente i carichi di lavoro, con team IT che implementano AIOps – utilizzando l’intelligenza artificiale e l’analisi predittiva per ottenere informazioni essenziali sullo stato della propria infrastruttura – permettendo loro di concentrarsi sul lavoro di innovazione e di evitare gli ostacoli dati dal monitoraggio della rete o dei dati”.

Leggi anche:  Perché Microsoft vuole comprare Discord

“Ora più che mai, i team si affidano alla tecnologia dell’intelligenza artificiale per aiutare a interiorizzare e analizzare i dati decisivi per tenere informate le attività di tutta l’azienda, soprattutto in un periodo in cui l’aumento dell’efficienza e la riduzione dei costi non necessari sono al primo posto nella lista delle azioni per garantire la longevità. Nel 2021, continueremo a vedere le imprese adottare soluzioni di AI, ma molte scopriranno di non possedere l’infrastruttura adeguata per gestire i dati necessari per alimentare le pipeline AI/ML alla velocità e alla scala richieste. Questo sarà vero soprattutto post-COVID, poiché le aziende cercheranno di ottenere un maggiore ROI dalle loro trasformazioni digitali. Il risultato sarà un boom di software per migliorare la produttività e la qualità della vita per i team IT e DevOps”.