Conoscere e capire l’enterprise architecture. Come creare una nuova piattaforma per la DX

BizOps, come migliorare DevOps con il feedback di business continuo

Le organizzazioni con una buona base architetturale hanno più successo nell’adattare il modello di business e operativo alle esigenze di flessibilità dettate dai momenti critici. L’architettura offre un modo per comprendere le nuove realtà e gestire la complessità

Sono numerose le forze che si sono combinate negli ultimi tempi per rinnovare l’enfasi sull’enterprise architecture (EA). In primo luogo, le aziende dipendono sempre più dalla tecnologia che continua a espandersi in importanza e complessità. Ciò è acutizzato dalla spinta alla trasformazione digitale e dalla necessità di coinvolgere la customer experience e l’efficienza operativa. Infine, il Covid-19 ha dimostrato che le organizzazioni con una buona base architetturale hanno più successo con le decisioni difficili e le modifiche rapide al modello di business e operativo richieste dalla pandemia.

La quantità e la complessità delle tecnologie si sono notevolmente ampliate e la necessità di farle lavorare insieme è fondamentale per l’esperienza digitale. L’enterprise architecture aiuta le aziende a comprendere il quadro generale, quali sono tutti i componenti e come devono combaciare per ottenere la trasformazione, come integrarli per coerenza e interoperabilità e come bilanciare efficienza ed efficacia rispetto ad agilità e flessibilità. In un ambiente in cui sembra che tutto sia cambiato, anche l’architettura si è trasformata, per stare al passo con le nuove realtà. L’architettura offre un modo per comprendere e gestire queste nuove realtà e complessità. Scomponendo il tutto in parti costitutive, consente alle aziende di affrontare ogni componente in modo ponderato e coordinato, consentendo di avere un quadro completo – “the big picture” – per contestualizzare bene le informazioni e migliorare le decisioni.

Il perché e il cosa dell’architettura

Quando parliamo di enterprise architecture, “the big picture” comprende tutti gli aspetti dell’impresa nel suo intero ecosistema. Quindi, per gestire tale ambito, gli architetti dividono il quadro in aree tematiche (parti costitutive), chiamate domini architetturali. I domini estesi dell’enterprise architecture necessari per supportare completamente la trasformazione digitale sono molteplici: i primi quattro, ovvero business, informazioni, applicazioni e tecnologia, sono orizzontali e rappresentano la visione tradizionale dell’enterprise architecture. Sebbene siano ancora importanti, non forniscono più un modello sufficiente per l’IT aziendale e il suo rapporto con il business e la trasformazione. Estendendo il modello, vanno compresi altri quattro domini, questa volta verticali: sicurezza, performance, integrazione e servizi, le cui sfide riguardano tutti i domini tradizionali. I quattro domini verticali rappresentano una relazione diversa rispetto ai primi quattro orizzontali, che si costruiscono uno sopra l’altro attraverso una struttura a strati. Invece, i domini verticali devono essere rappresentati da un’architettura olistica che abbraccia tutti i quattro domini orizzontali tradizionali in modo tale che il tutto sia maggiore della somma delle parti. In altre parole, per ogni dominio verticale, gli specifici aspetti architetturali e le implementazioni a ciascuno dei livelli di business, informativi, applicativi e tecnologici devono essere coordinati e integrati per ottimizzare l’impresa, invece che sub-ottimizzare il particolare livello. Non vanno dimenticati gli aspetti organizzativi dell’architettura. In altre parole, gli architetti esprimono i domini dell’architettura in artefatti architetturali prodotti da un programma di architettura come parte di una struttura organizzativa. Un obiettivo chiave dei team di architettura è quello di aiutare gli stakeholder a utilizzare l’architettura per influenzare le decisioni. Business, informazioni, application, tecnologie, sicurezza, performance, integrazione e servizi rappresentano i domini dell’enterprise architecture.

Business: descrive gli obiettivi, le strategie e la tattica dell’organizzazione. Definisce modelli e risultati di business e operativi, capacità di business, concetti informativi, prodotti e servizi, flussi di valore, stakeholder, processi, regole. Il dominio Business è fondamentale per aiutare a dare priorità alle iniziative, trasformare i modelli operativi e massimizzare lo scambio di valore.

Leggi anche:  Come i big data hanno cambiato la nostra quotidianità

Informazioni: descrive un ambiente in cui sono disponibili informazioni integrate, coerenti e tempestive secondo necessità e l’infrastruttura cognitiva/AI per trasformare tali informazioni in conoscenza e approfondimento. Identifica vecchie e nuove fonti di dati, come sono integrate e aggregate, trasformazioni di dati e modelli concettuali e semantici a livello di intera azienda.

Application: descrive la struttura end-to-end delle applicazioni, in particolare l’uso di architetture moderne come microservizi e flussi di dati, accesso omni-canale, integrazione tra applicazioni, interfacce standard, e altro. Identifica un inventario di applicazioni per la gestione del portafoglio. Il dominio Application è fondamentale per fornire interoperabilità a supporto dell’user experience, per fornire servizi flessibili e per gestire costi e complessità.

Tecnologie: descrive l’infrastruttura tecnologica che supporta i prodotti, i servizi, le applicazioni e le informazioni digitali dell’azienda. Supporta l’intera gamma di tecnologie, comunicazioni, integrazione, IoT e altro ancora per piattaforme multi-cloud ibride e legacy. Fornisce eccellenza operativa e requisiti non funzionali di disponibilità, affidabilità, scalabilità, e altro.

Sicurezza: descrive le risorse, le minacce, i rischi e le vulnerabilità dell’azienda. Definisce obiettivi e controlli di controllo, coordinati a tutti i livelli dell’azienda, per bilanciare rischio, protezione, usabilità ed economia al fine di gestire le minacce e le responsabilità che costituiscono la “fiducia digitale” dell’azienda. La sicurezza e la privacy sono fondamentali per l’organizzazione e devono essere una preoccupazione fondamentale di ogni dominio, iniziativa e progetto dell’architettura, integrati sin dall’inizio.

Performance: descrive le prestazioni desiderate dell’azienda in termini di risultati aziendali, CSF, KPI e metriche di base. Assicura che le informazioni necessarie siano disponibili per misurare i risultati. Fornisce una struttura per la strumentazione di processi, servizi, applicazioni e così via, raccogliendo tali informazioni, aggregando, analizzando e visualizzando informazioni su insight e risultati.

Integrazione: descrive il modo in cui informazioni, applicazioni, processi e servizi vengono integrati per ottenere informazioni, funzioni e user experience coerenti. Identifica i modelli per l’integrazione end-to-end dai sistemi core e legacy attraverso nuovi servizi IT ai dispositivi endpoint. Definisce i requisiti e i modelli per l’integrazione del servizio cloud, dei dispositivi IoT e così via nell’azienda, compresi sicurezza, responsabilità, conformità, continuità, semantica e così via.

Leggi anche:  Architettura e tecnologie. La trasformazione digitale nell’era della pandemia

Servizi: descrive il catalogo dei servizi forniti per supportare le esigenze del business di informazioni e funzioni. Supporta una gerarchia di servizi e definisce la costruzione, la gestione e le prestazioni dei servizi, comprese le opzioni di misurazione e pagamento in base all’uso. I servizi sono la nuova struttura dell’erogazione dell’IT e le API dei servizi sono fondamentali per partecipare all’economia digitale.

Ma c’è molto altro nel viaggio verso la comprensione dell’enterprise architecture, come le discipline e le pratiche, i principi, le strutture, gli strumenti, i risultati finali, i programmi, i team, la governance e così via, ma l’augurio è che questa introduzione dei concetti di architettura aiuterà a comprendere il perché e il cosa dell’architettura.


Mike Rosen

Chief scientist al Wilton Consulting Group, è stato fondatore e vicepresidente della Business Architects Guild. Come global research VP di IDC, ha condotto ricerche per manager dell’IT e del Business sui temi delle architetture strategiche e della digital transformation. Il suo attuale focus è sulla Digital Business Platform necessaria per una trasformazione digitale agile, flessibile, scalabile e sostenibile. Con oltre 40 anni di esperienza nel settore delle architetture e nella progettazione di applicazioni, Mike Rosen è uno speaker riconosciuto a livello internazionale, autore di numerosi libri e di centinaia di articoli.

Mike Rosen presenterà per Technology Transfer i seminari “Capire l’Enterprise Architecture” il 16-19 marzo 2021 e “Creare una nuova piattaforma tecnologica per la Digital Transformation” il 14-17 giugno 2021.