Focus sulla fotocamera per l’iPhone 13 Pro

Un iPhone pieghevole potrebbe arrivare nel 2023

Miglioramenti incrementali e sostanziali secondo un paio di voci circolate nelle ultime ore

Una nuova voce suggerisce che la prossima serie di iPhone 13 riceverà un set di fotocamere ultra grandangolari e con teleobiettivo migliorate, ma solo per le versioni di fascia alta, ossia iPhone 13 Pro e Pro Max. Non si tratta di aggiornamenti enormi ma rimetterebbero gli smartphone di Apple al primo posto in quanto a qualità della resa fotografica, dopo che il rivale di sempre, Samsung, ha messo la faccia col rilascio del Galaxy S21 Ultra, sulla carta il miglior camerafonino in circolazione.

Le indiscrezioni non fanno altro che appurare una precedente previsione del noto analista Ming-Chi Kuo, secondo cui una fotocamera ultragrandangolare con aggiornamento dell’apertura f/1.8 potrà effettivamente essere il clou del prossimo iPhone, anche se Kuo menziona la famiglia dei 14, in arrivo nel 2022. La nota attuale si basa invece sul fatto che l’iPhone 13 Pro potrebbe ottenere la migliore fotocamera del mercato, ovviamente la stessa del Pro Max, migliorando la già ottima lunghezza focale di f/2.0 del 12 Pro e 12 Pro Max. 

Cosa aspettarsi davvero

In termini più semplici, ciò aumenterebbe la chiarezza del teleobiettivo del telefono, passando dallo zoom ottico 2x allo zoom ottico 2,5x. Insomma, i miglioramenti suonano in gran parte incrementali. Che si tratti di una tacca più piccola e di fotocamere migliori, Wi-Fi 6E , LiDar su tutta la sua linea, la maggior parte delle aggiunte sono di certo benvenute ma non entusiasmanti. Qualcosa di più drastico riguarderebbe sensori tattili sullo schermo e pannelli con frequenza di aggiornamento di 120 Hz, presente sui telefoni Android oramai da tempo. D’altra parte, anche la linea iPhone 12 ha seguito un percorso simile, con l’arrivo di una versione “mini”, aumento dell’hardware della fotocamera, un nuovo formato di foto raw e il sistema MagSafe per la ricarica wireless e gli accessori.

Leggi anche:  Sferanet porta lo storage Dell in Istat