Euris Dynamics, come ottimizzare le performance aziendali

Euris Dynamics, come ottimizzare le performance aziendali

Con la piattaforma Performa Monitor si automatizzano i processi fondamentali per un’impresa che mira al successo

Entrerà in vigore il 1° settembre 2021 il nuovo Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza. Si tratta di un aggiornamento fondamentale per salvaguardare il patrimonio di un’azienda, visto che pone in primo piano la necessità di individuare indicatori utili a prevenire scenari finanziari problematici. I suddetti indicatori sono rilevabili attraverso appositi indici, che danno evidenza della sostenibilità dei debiti di un’azienda, per un arco temporale prestabilito, con le prospettive di continuità aziendale per l’esercizio in corso. Una delle novità del nuovo Codice è la presenza di specifici indicatori di allerta, che hanno l’obiettivo di rilevare tempestivamente gli indizi della crisi e sollecitare l’adozione delle misure più idonee per alcune operazioni, ad esempio l’accordo con i creditori.

L’odierno panorama informatico permette di beneficiare di una piattaforma in grado sia di monitorare la situazione finanziaria di un’impresa che di avvertire qualora non vengano rispettati KPI predeterminati, tali da influenzare la redditività e i flussi di business, diretti e indiretti. Performa Monitor, sviluppato da Euris Dynamics, divisione di Gruppo Euris Spa, nasce proprio per dare alle aziende, soprattutto le PMI, l’opportunità di fruire di un cruscotto che monitora il business, in autonomia, e che consente di essere compliant al nuovo Codice della Crisi d’Impresa.

L’importanza della compliance

«Essere in regola con le norme della Crisi d’Impresa rappresenta la nuova “moral suasion” per l’autorità. Non tutte le aziende sono investite dalla norma: le società quotate sono fuori dalle procedure di allerta mentre è obbligatoria la nomina dell’organo di controllo per la maggior parte delle aziende. La nuova normativa sostituirà il vecchio Rd 16 marzo 1942, n. 267, in maniera tale che il debitore dovrà affrontare le difficoltà e anticipare le misure per non farsi cogliere impreparato; l’Organismo di composizione della crisi d’impresa (OCRI) dovrà sempre continuare a monitorare e identificare in anticipo i casi di crisi» ci dice Vincenzo Matera, Direttore di Euris Dynamics, che ha ideato la soluzione.

Leggi anche:  Alstom sceglie Accenture e Dassault Systèmes per lo sviluppo di una nuova piattaforma in cloud per il PLM

«Abbiamo lanciato il nostro prodotto sul mercato quando ancora l’entrata in vigore del Codice era fissata per lo scorso Agosto. Siamo dunque pionieri rispetto alle compliance e, pur consapevoli dello spostamento dell’introduzione, fissata al 1° settembre 2021, abbiamo comunque deciso di precorrere i tempi» prosegue Matera. «Se l’imprenditore deve dotarsi di strumenti atti a monitorare il buono stato di salute della propria azienda, con KPI economici e finanziari, è evidente che è necessario poter contare sull’aiuto delle tecnologie. Performa Monitor è una soluzione diversa da tutto ciò che si trova attualmente sul mercato. In particolare, Performa Monitor è l’unica soluzione che garantisce il monitoraggio continuo degli indicatori finanziari e di business e lo fa “in modo passivo”, ovvero senza richiedere il contributo attivo di qualcuno che carichi i dati, ma semplicemente andando a leggere quelli presenti all’interno del sistema gestionale. Impostati i KPI, uno schedulatore, con temporizzazioni impostabili a piacimento, analizza la situazione dell’azienda e, se gli stessi KPI superano delle soglie (di allerta o di crisi), vengono inviate notifiche puntuali e dettagliate. Il senso è che gli avvisi, oltre a porre in evidenza un elemento, offrono indicazioni aggiuntive sul superamento delle soglie, in aumento o diminuzione, ma anche, in maniera periodica, sul quadro specifico dell’azienda».

Il pubblico di riferimento

Performa Monitor punta sicuramente alle piccole e medie imprese che, per strutturazione interna, spesso non hanno una capacità estesa di raccolta e comprensione dei dati. Quando si concentra tutto nelle mani di un CFO, anche la condivisione tra i decisori può diventare difficoltosa ed è qui che la piattaforma pone un altro vantaggio. Si può decidere infatti di fornire accessi differenti ad alcuni ruoli, così che si semplifichi il processo stesso di verifica e controllo.

Leggi anche:  Serco e OVHcloud insieme per ottimizzare l’uso delle immagini satellitari attraverso l'AI

Altri elementi di interesse su Performa Monitor riguardano la possibilità di avere una cronologia delle notifiche e di visualizzare i trend che possono effettuare previsioni su andamenti futuri. «La compatibilità del software oggi è davvero ampia» conclude il Direttore di Euris Dynamics «visto che può interfacciarsi con tutti i tipi di gestionali ERP. Del resto, qualsiasi impresa necessita di uno strumento che non solo assolva alla norma ma permetta anche di conoscere a fondo il proprio business, per ottimizzare operazioni e flussi».

Per saperne di più clicca qui