Il Garante lancia un contest per informative privacy più chiare

Il Garante lancia un contest per informative privacy più chiare

“Informative privacy più chiare grazie alle icone? E’ possibile”. Il Garante lancia un contest facendo appello alla creatività collettiva

“Informative privacy più chiare grazie a simboli e icone? È possibile”. Con questo slogan il Garante per la protezione dei dati personali lancia un contest per studiare soluzioni che – attraverso l’uso di icone, simboli o altre soluzioni grafiche – rendano le informative privacy più semplici, chiare e immediatamente comprensibili. In poche parole, facciano in modo che siano davvero utili e adeguate allo scopo per il quale sono state pensate.

Le informative utilizzate da aziende private, enti pubblici, professionisti, siti web, soprattutto social network, motori di ricerca e piattaforme tech, infatti, sono molto spesso troppo lunghe, complesse e quindi non adeguate a rispondere alla loro funzione essenziale. Che è quella di informare gli utenti sull’uso che verrà fatto dei loro dati personali e, di conseguenza, di metterli nella condizione di esprimere in maniera libera e consapevole l’eventuale consenso al trattamento, che si tratti di marketing, di profilazione commerciale o di comunicazione a terzi di determinate informazioni.

Il Garante chiede dunque a sviluppatori, addetti ai lavori, esperti, avvocati, designer, studenti universitari e a chiunque sia interessato, di inviare un set di simboli o icone capaci di rappresentare la totalità degli elementi che, a norma degli articoli 13 e 14 del Regolamento europeo, devono essere contenuti nell’informativa.

Le proposte dovranno essere inviate entro il 30 maggio 2021 all’indirizzo mail: icone@gpdp.it

L’Autorità, a proprio insindacabile giudizio, sceglierà i tre dataset di simboli e icone che riterrà più efficaci e li renderà disponibili sul proprio sito a chiunque voglia utilizzarle, indicando il nome dell’autore.

Il Regolamento del contest è consultabile su www.gpdp.it/informativechiare

Leggi anche:  Effetto Draghi sul web: 200mila contenuti nell’ultima settimana