L’iPhone 13 potrebbe avere una migliore durata della batteria

L’iPhone 13 potrebbe avere una migliore durata della batteria

Ottimizzazioni dal punto di visto dell’autonomia per il prossimo telefonino di Apple

L’iPhone 13 è sicuramente uno degli smartphone più attesi del 2021 e le ultime notizie sul telefono suggeriscono che ciascuno dei modelli della prossima famiglia sarà dotato di batterie più grandi rispetto ai predecessori. Secondo una nota per gli investitori dell’analista Ming-Chi Kuo e individuata da MacRumors, la serie numero 13 presenterà moduli più ampi ma soprattutto ottimizzati dal punto di vista del risparmio energetico. Vale la pena che anche se le previsioni di Kuo sono spesso corrette, non c’è nulla di ufficiale a riguardo. Ad ogni modo, l’analista ha osservato: “I nuovi modelli ‌di iPhone‌ del 2021 avranno una capacità della batteria maggiore rispetto alla serie iPhone 12, grazie al design salvaspazio di molti componenti”.

Cosa attendersi da Apple

“Saranno leggermente più pesanti ma un’avanzata ingegnerizzazione nel design permetterà l’integrazione dello slot per schede SIM con la scheda madre, riducendo lo spessore dei moduli ottici anteriori” ha proseguito Kuo. Vale la pena ricordare come il manager non citi esplicitamente gli iPhone 13 ma i modelli del 2021, lasciando aperta la pista di una possibile generazione mediana, come ad esempio gli iPhone 12S. Peraltro, gli iPhone non sono mai stati campioni di autonomia, nonostante i concreti miglioramenti degli ultimi anni.

Poter dedicare uno spazio più ampio al modulo permetterà sicuramente di beneficiare di una potenza residua maggiore, così da competere con i punti di riferimento del settore smartphone sulla piazza, che ad oggi sono Android. Ci aspettiamo di sentire parlare dei nuovi iPhone entro la fine dell’anno, con Apple che non dovrebbe saltare il classico appuntamento di settembre. Prima, il 23 marzo, terrà un evento online (da confermare), durante il quale sono attesi gli smart tracker AirTag e forse una nuova Apple TV.

Leggi anche:  L'Università di Pisa sceglie lo storage di Dell Technologies