WhatsApp pensa a una controversa funzione fotografica

WhatsApp pensa a una controversa funzione fotografica

Arriverà su iOS e Android la possibilità di inviare foto che si auto-cancellano, con qualche dubbio sulla possibilità di effettuare screenshot delle stesse

WhatsApp potrebbe presto seguire le orme di Snapchat con una funzionalità che consente agli utenti di inviare foto che poi si autodistruggono automaticamente. L’aggiornamento permetterebbe ad un utente di inviare un’immagine nuova a un amico o condividere un contenuto diverso, che poi verrà rimosso nel momento in cui la chat viene chiusa. Snapchat ha offerto questa funzionalità per diversi anni con qualsiasi contenuto inviato tramite il popolare servizio che scompare immediatamente per sempre dopo un determinato periodo di tempo.

Il nuovo aggiornamento è stato individuato dal team di WABetainfo che ha anche pubblicato immagini di come sarebbe apparso una volta rilasciato sui dispositivi. In un post sui social, WABetainfo ha scritto: “WhatsApp sta lavorando all’autodistruzione delle foto in un futuro aggiornamento per iOS e Android”.

Ci sono dei problemi

Il team ha anche confermato che qualsiasi immagine inviata tramite questa opzione non può essere esportata da WhatsApp, il che significa che le foto svaniranno per sempre e non potranno essere salvate dal destinatario. Non è chiaro quando questo aggiornamento verrà distribuito agli utenti, ma potrebbe causare qualche controversia, soprattutto perché WhatsApp deve ancora menzionare come tratterà la possibilità che le persone catturino screenshot delle foto inviate.

Snapchat attualmente avvisa i mittenti se un’immagine è catturata dallo schermo, ma non è chiaro se WhatsApp stia pianificando qualcosa di simile. Con il pensiero che un’immagine scomparirà, è plausibile pensare che gli iscritti invieranno più foto sensibili, pensando di non incorrere poi in guai o noie successive. Vale la pena notare che quella individuata da WABetainfo è solo un beta test di cui, peraltro, non si sa nemmeno se verrà prima o poi rilasciato qualcosa.

Leggi anche:  smeup: un'intera settimana di webinar gratuiti a sostegno degli imprenditori