Cinque lacune nell’osservabilità degli ambienti IT che potrebbero penalizzare le organizzazioni

Corsi e laboratori del Politecnico di Bari diventano digitali grazie alle soluzioni Microsoft

A cura di Abdi Essa, Regional Vice President, UK&I, Dynatrace

Per operare in modo efficace e stare al passo con la domanda sempre crescente di servizi digitali, i team IT devono vedere e capire chiaramente cosa sta accadendo nell’ambiente IT della loro organizzazione. Tuttavia, le soluzioni di monitoraggio tradizionali e gli approcci manuali stanno faticando a tenere il passo con la natura dinamica degli ambienti multicloud e cloud-native di oggi, il che rende l’acquisizione e il mantenimento di informazioni più difficili che mai.

Di conseguenza, più organizzazioni si stanno spostando verso nuovi approcci che supportano i tre pilastri chiave dell’osservabilità: metriche, log e tracce. Tuttavia, questi approcci sono efficaci solo se i dati raccolti possono essere pienamente compresi nel loro contesto più ampio. Pertanto, i gap nell’osservabilità possono influire sulla capacità dei team digitali di comprendere, monitorare e gestire i propri servizi in modo efficace.

Ecco le cinque aree più rilevanti in cui si verificano delle lacune di osservabilità che possono mettere in difficoltà le organizzazioni.

  1. Containers, microservices e Kubernetes

L’utilizzo di architetture cloud native basate su microservizi, container e Kubernetes può portare enormi vantaggi alle organizzazioni, offrendo maggiore agilità, efficienza e scalabilità per promuovere un’innovazione più rapida. Tuttavia, si traducono anche in un ambiente estremamente dinamico in costante cambiamento. Una nostra ricerca ha rivelato che il 61% dei CIO afferma che il proprio ambiente IT cambia ogni minuto o anche meno e tale percentuale è destinata solo ad aumentare man mano che più organizzazioni adotteranno architetture cloud-native. È quasi impossibile per i team tenere il passo con questo ritmo di cambiamento utilizzando approcci manuali per configurare e strumentare le app, o per creare script e reperire i dati di cui hanno bisogno per mantenere l’osservabilità – e questo lascia dei punti ciechi. Il 63% dei CIO afferma infatti che la complessità del proprio ambiente cloud ha superato la capacità di gestione umana. In quanto tale, l’automazione sta diventando fondamentale per gestire gli ambienti cloud-native.

  1. Real user experience

Un obiettivo chiave per le organizzazioni moderne è la capacità di creare esperienze utente eccellenti migliorando continuamente i loro servizi digitali. Tuttavia, se le organizzazioni non monitorano il modo in cui gli utenti reali sperimentano le loro applicazioni e software, creano un punto cieco per l’osservabilità, il che rende difficile ottimizzare in modo efficace le esperienze degli utenti. Senza misurare l’esperienza dal punto di vista dell’utente, è impossibile sapere se le applicazioni funzionano come dovrebbero o se sono necessarie modifiche per ottimizzare il percorso dell’utente. Le organizzazioni devono anche essere in grado di contestualizzare queste informazioni, in modo da poter vedere il quadro completo di come le prestazioni dei servizi digitali influiscono sull’esperienza utente. Questo può essere ottenuto solo con una singola piattaforma e un modello di dati unificato, non con i molteplici strumenti su cui molte organizzazioni fanno affidamento per mantenere l’osservabilità e gestire l’esperienza utente.

  1. L’IT opera in silo

Nella nostra recente ricerca, il 56% dei CIO ha affermato che l’IT sta diventando sempre più un imperativo di business, mentre il 64% ha affermato di essere maggiormente sotto pressione a causa di una maggiore domanda di servizi digitali. Nonostante ciò, la maggior parte delle organizzazioni esamina i dati sull’osservabilità separatamente dalle metriche aziendali, come entrate e conversioni. Questo approccio a compartimenti stagni alle operazioni IT crea un punto cieco, poiché la relazione tra metriche chiave dell’IT e del business può essere facilmente persa, il che significa che il contesto cruciale si sgretola. Ad esempio, i team di business potrebbero notare un calo improvviso o un picco nelle conversioni di e-commerce dopo che il team IT ha distribuito un nuovo aggiornamento software a un’applicazione back-end. Se le metriche IT e quelle business non vengono considerate nel contesto l’una dell’altra, le organizzazioni possono perdere queste correlazioni, il che significa che gli utenti spesso scoprono i problemi prima che lo faccia l’azienda, attraverso una digital experience deludente.

  1. Troppi tool

Nei loro sforzi per mantenere l’osservabilità sui loro ambienti multicloud, molte organizzazioni utilizzano una media di 10 diversi strumenti di monitoraggio per tenere traccia delle singole piattaforme e servizi. Tuttavia, i team IT stanno faticando a tenere il passo con l’enorme volume, velocità e varietà di dati che questo crea e a dare un senso al caos di alert, spesso conflittuali, che ne deriva. Il 72% dei CIO ha affermato di non poter continuare a collegare fra loro gli strumenti di monitoraggio per mantenere l’osservabilità. L’84% sostiene che l’unico modo efficace per procedere è ridurre il numero di strumenti e la quantità di lavoro manuale che i team IT investono nel monitoraggio e nella gestione del cloud. Chiedono un’unica piattaforma in grado di fornire l’osservabilità end-to-end. Tuttavia, questo non risolverà tutti i loro problemi, poiché i team IT devono ancora interpretare grandi quantità di dati abbastanza rapidamente per capire cosa gli stia comunicando. Ecco perché l’intelligenza artificiale sta diventando così importante in quest’area, consentendo ai team IT di trasformare istantaneamente i dati di osservabilità in informazioni utilizzabili che possono essere utilizzate per ottimizzare i servizi e risolvere i problemi prima che gli utenti subiscano l’impatto.

  1. Approcci manuali e fai-da-te

Molte organizzazioni adottano un approccio fai-da-te all’osservabilità, integrando manualmente la strumentazione nel codice dell’applicazione man mano che procedono. Non solo questo è un processo che richiede tempo e risorse del team che potrebbero essere spese meglio altrove, ma di solito crea anche punti ciechi. Mentre i sistemi più recenti hanno spesso l’osservabilità incorporata, molti di quelli meno recenti no, poiché i team IT dovrebbero tornare alle applicazioni esistenti e strumentarle in modo retrospettivo. Ciò lascia una visione frammentata dell’ambiente, con la ricerca che mostra che i team digitali hanno la piena osservabilità solo sull’11% dei loro ambienti applicativi e infrastrutturali. Questo significa che i team non avranno il contesto completo di quello che sta accadendo e dell’impatto delle prestazioni dei servizi IT sugli utenti e sul business. Pertanto, è essenziale automatizzare il processo di strumentazione per garantire che l’osservabilità sia end-to-end e continua. Questo consentirà ai team IT di concentrare i propri sforzi su attività più preziose che generano risultati migliori per l’azienda.

Leggi anche:  EasyPark ora disponibile su Apple CarPlay

L’osservabilità è essenziale per il successo delle organizzazioni moderne, poiché offre le informazioni di cui hanno bisogno per garantire che i servizi forniscano le esperienze senza attriti richieste dagli utenti e dal business. In quanto tali, questi cinque punti ciechi di osservabilità rappresentano una minaccia significativa per l’azienda se rimangono incontrollati. L’intelligenza artificiale e l’automazione sono la chiave per colmare le lacune di osservabilità e consentire ai team IT di ridurre i rischi e ottenere migliori risultati aziendali.