Amazon acquista MGM per 8,45 miliardi di dollari

Amazon acquista MGM per 8,45 miliardi di dollari

Si tratta della più grande acquisizione nel campo dell’enterteinment per il gigante dell’e-commerce 

Amazon ha raggiunto un accordo per acquisire la società cinematografica e televisiva MGM per 8,45 miliardi di dollari. È una mossa significativa per il gigante dell’e-commerce che possederà una libreria di contenuti che, secondo quanto riferito, consisterà in circa 4.000 film e 17.000 ore di spettacoli TV . È probabile che l’acquisizione aiuti Amazon ad attrarre nuovi abbonati a Prime Video, che deve vedersela costantemente con Netflix e Disney Plus.

MGM è noto per essere lo studio di Hollywood dietro i franchise di James Bond e Rocky, ma la sua libreria spazia da film classici come 12 Angry Men a programmi TV moderni come The Handmaid’s Tale e Vikings. La libreria di MGM include anche The Voice e Shark Tank. Amazon afferma che l’acquisizione “fornirà ai clienti un accesso maggiore” ai lavori di MGM e “consentirà” allo studio di continuare la sua “grande narrazione”.

Azione per il futuro

“Il vero valore finanziario alla base di questo accordo è il tesoro nel vasto catalogo che abbiamo intenzione di reimmaginare e sviluppare insieme al talentuoso team di MGM” ha dichiarato in una nota Mike Hopkins, vicepresidente senior di Prime Video e Amazon Studios. “È molto eccitante e offre così tante opportunità per uno storytelling di alta qualità”. Il business media di Amazon è stato finora una parte relativamente piccola del suo impero complessivo, sebbene spenda ancora miliardi nella produzione di contenuti ogni anno.

Per gli oltre 200 milioni di persone in tutto il mondo che sono attualmente abbonate ad Amazon Prime, l’anno scorso sono stati trasmessi in streaming oltre 175 milioni di video. L’aggiunta di altre migliaia di film e programmi TV potrebbe essere un vantaggio sostanziale per entrambe le parti. MGM è attualmente di proprietà di una serie di società di private equity, tra cui Anchorage Capital Group, Highland Capital Management e Solus Alternative Asset Management. I primi rapporti sulla possibile vendita del gruppo sono emersi lo scorso dicembre.

Leggi anche:  Veeam registra una crescita del 25% nel primo trimestre del 2021