Google mostrerà i dati sulla privacy richiesti dalle app del Play Store

Google mostrerà i dati sulla privacy richiesti dalle app del Play Store

I dettagli verranno visualizzati in una nuova “sezione di sicurezza” nel negozio digitale di Android

Google richiederà presto agli sviluppatori di fornire maggiori informazioni sulla privacy e sulla sicurezza delle loro app. L’azienda sta lavorando ad una nuova “sezione di sicurezza” per i suoi elenchi nel negozio digitale di Android, che richiederà ai produttori di app di spiegare quali dati vengono raccolti dalle loro piattaforme e come questi vengono utilizzati. La sezione includerà anche informazioni sulle funzionalità di sicurezza, come la crittografia.

La modifica è simile alle etichette sulla privacy che hanno iniziato ad apparire nell’App Store di Apple alla fine dell’anno scorso. Tuttavia, le nuove schede del Play Store non verranno visualizzate se non a partire dal primo trimestre del 2022, secondo una tempistica condivisa da Google. E gli sviluppatori non saranno tenuti ad apportare le modifiche fino alla seconda metà del prossimo anno.

Cosa succede al Play Store

“Lavoriamo a stretto contatto con gli sviluppatori per mantenere Google Play uno spazio sicuro e affidabile e consentire a miliardi di persone di godere delle ultime app Android. Oggi annunciamo una prossima sezione sulla sicurezza in Google Play che aiuterà a comprendere i dati che un’app raccoglie o condivide, se tali sono protetti, e ulteriori dettagli che influiscono sulla privacy e sulla sicurezza” ha spiegato Big G. A seguito della novità, l’azienda chiederà agli sviluppatori di condividere il tipo di informazioni raccolte e archiviate, come ad esempio la posizione approssimativa o precisa, contatti, informazioni personali (nome, indirizzo e-mail), foto e video, file audio e file di archiviazione La modalità di utilizzo dei dati, come le funzionalità e la personalizzazione delle app.

Leggi anche:  IcedID entra nella Top 10 dei malware più diffusi a marzo dopo la campagna legata alla Covid

“Analogamente ai dettagli delle app come screenshot e descrizioni, gli sviluppatori sono responsabili delle informazioni divulgate nella loro sezione. Google Play introdurrà una politica che richiede agli sviluppatori di fornire informazioni accurate. Se scopriamo che uno sviluppatore ha travisato i dati forniti e viola le norme, chiederemo di correggerlo. Le app che non diventano conformi saranno soggette all’applicazione dei nostri criteri” ha aggiunto Google.