Kaspersky indaga sulle minacce diffuse tramite i titoli della saga di Star Wars

Il costo delle violazioni dei dati ha raggiunto un picco record durante la pandemia

Star Wars: Il Risveglio dei Cybercriminali. Kaspersky indaga sulle minacce diffuse tramite i titoli della saga

A più di 40 anni dall’arrivo nelle sale del primo episodio della trilogia di Star Wars, la saga fantascientifica targata Lucasfilm che racconta le avventure di “una galassia lontana lontana”, le peripezie dei suoi personaggi in lotta contro il male continuano a unire le generazioni di ieri e di oggi.

Negli anni, il fortunato franchise ha prodotto tre trilogie, una serie di contenuti originali come videogiochi e fumetti raccolti in un Universo Espanso e la recente serie televisiva The Mandalorian, apprezzata dalla critica e nominata ai Golden Globe 2021. Come avviene per qualsiasi prodotto di successo della pop culture e del mondo dell’intrattenimento, anche la saga di Star Wars è stata sfruttata dai criminali informatici per monetizzare l’interesse degli utenti.

In occasione della giornata mondiale dedicata all’epopea tra le stelle, Kaspersky ha indagato sul numero di streaming illegali legati ai film di Star Wars a livello globale da gennaio 2021 alla fine di aprile.

Secondo i dati estrapolati dal Kaspersky Security Network, The Mandalorian, Il Risveglio della Forza e La vendetta dei Sith sono state le esche più popolari tra i criminali informatici per indurre gli utenti a scaricare contenuti dannosi.

Film Utenti
The Mandalorian 296
The Force Awakens 117
Revenge of the Sith 33

 

Il nome di The Mandalorian ha anche un altro primato. Sono stati infatti rilevati ben 267 file dannosi che ne sfruttavano il nome.

Le 3 minacce più sfruttate per colpire i fan della saga sono state i Downloader, un malware che appartiene alla categoria dei not-a-virus, con il 40% de casi di infezione, i Trojan con il 29% e gli AdWare con il 19%

Leggi anche:  Dell Technologies migliora la cyber resilienza delle aziende

Not a virus e Trojan sono anche le minacce che in genere vengono utilizzate maggiormente per colpire gli utenti che si rivolgono a piattaforme di streaming non ufficiali.

I Trojan, infatti, rappresentano il 47% delle minacce totali di questa categoria e sono molto pericolosi perché consentono ai criminali informatici di cancellare i dati del dispositivo e di bloccare il computer. Alcuni Trojan sono file spia che tracciano le azioni degli utenti sul dispositivo infetto.

Anche i “not a virus”, come gli adware, sono minacce piuttosto diffuse e difficili da disinstallare che bombardano gli utenti con pubblicità indesiderata.

Per godersi la propria serie o film preferito e proteggersi dalle minacce di sicurezza informatica Kaspersky raccomanda di:

  • Effettuare i download solo da piattaforme di streaming ufficiali, controllando l’autenticità dei siti web e il formato delle URL.
  • Fare attenzione alle estensioni dei file prima di eseguire il download. Un file video non avrà mai un’estensione .exe o .msi.
  • Utilizzare una soluzione di sicurezza affidabile, come Kaspersky Security Cloud, che identifica gli allegati dannosi e blocca i siti di phishing.