Infor: manutenzione 4.0 per il food

Manutenzione 4.0 per il food

La trasformazione digitale leva per qualità, conformità e sicurezza

Il periodo storico che stiamo vivendo ha accentuato le sfide che le aziende del settore alimentare si trovano a fronteggiare tutti i giorni, evidenziando una crescente esigenza di modernizzazione dei flussi e delle operation. Fluttuazioni della domanda dei consumatori, colli di bottiglia in alcune aree dell’offerta e aumento dei costi convergono creando una tempesta perfetta. I richiami dei prodotti dal mercato per mancata conformità agli standard di sicurezza alimentare rappresentano un ulteriore motivo di preoccupazione per le aziende, che hanno la necessità di proteggere la brand reputation, in un’ottica di miglioramento continuo dell’offerta e del posizionamento sul mercato.

Per tutte queste esigenze, la trasformazione digitale rappresenta il motore che abilita una
migliore gestione degli asset e una manutenzione automatizzata. L’industria alimentare italiana è costituita da molti stabilimenti che si affidano ancora a processi manuali incentrati su fogli di calcolo per i programmi di manutenzione dei macchinari, il che è estremamente rischioso poiché lascia le aziende vulnerabili agli errori, esposte a tempi di inattività, costi non necessari e processi di conformità potenzialmente lunghi.

Elevati livelli di automazione, la diffusione di tecnologie emergenti come l’intelligenza artificiale, l’accessibilità dai dispositivi mobili e un approccio predittivo o prescrittivo alla gestione e alla manutenzione degli asset possono ridurre sostanzialmente questo rischio, minimizzando i richiami dei prodotti, proteggendo la reputazione del marchio e aumentando i profitti.

L’impiego di sensori su tutte le macchine e le linee di produzione può contribuire a ottenere
i dati necessari in tempo reale per raggiungere questo obiettivo, consentendo di mappare dati “live” con informazioni storiche e di terze parti per prendere rapidamente decisioni
informate. Ma non è sufficiente.

Leggi anche:  Zucchetti, l’arte del cambiamento

La manutenzione 4.0 permette infatti di acquisire le letture dei sensori in un repository
“data lake”, applicando algoritmi e sofisticate analisi per comprendere esattamente le cause dei guasti e identificare le risoluzioni dei problemi, suggerendo agli addetti alla manutenzione le azioni da intraprendere per evitare malfunzionamenti.

La capacità di identificare e risolvere i problemi in tempo reale garantisce il buon funzionamento dell’impianto di produzione alimentare e riduce il rischio di sprechi, contaminazione e tempi di fermo. Insight e analisi approfondite contribuiscono infine a migliorare l’affidabilità e le performance, aumentando gli standard di sicurezza.

Proprio nell’ottica di digitalizzare le attività di manutenzione per raggiungere nuovi livelli
di efficienza, Infor EAM è una soluzione per la gestione degli asset aziendali best in class,
realizzata in base alle specificità del settore verticale e pensata per fornire elevati livelli di flessibilità, agilità e conformità alle rigorose normative vigenti.

Le aziende più lungimiranti del settore alimentare hanno compreso l’importanza di
passare da una manutenzione reattiva a una predittiva o prescrittiva e si stanno orientando verso un approccio di Manutenzione 4.0 con l’obiettivo di offrire prodotti sicuri e di qualità ai propri clienti e proteggere la reputazione del brand.