Sostenibilità e digitalizzazione le parole d’ordine per le PMI del futuro

Anna Vaselli marketing & communication @Holonix

Riorganizzazione aziendale e cultura digitale

Oggi non è possibile pensare alla sostenibilità senza parlare di trasformazione digitale, ma la digitalizzazione non è pensabile senza l’attuazione all’interno dell’azienda di un processo evolutivo che consenta al management di assumere decisioni data-driven, guidate quindi dai dati.

Le soluzioni che aumentano la sostenibilità del business sono anche soluzioni strategiche
per la sua crescita. Le aziende diventano più competitive, in virtù di processi e modelli
migliori, controllabili, circolari ed efficienti. La digitalizzazione è parte integrante di questo
trend in quanto motore dell’innovazione.

Secondo una stima della Commissione europea, il valore della data economy passerà dal 2,4% nel 2018 al 5,8% del Pil Ue nel 2025 per un totale di 829 miliardi di euro.

In ambito europeo, l’attenzione ai temi legati alla sostenibilità è molto elevata; ne è un
esempio il progetto Horizon2020 FiberEUse (www.fibereuse.eu | G.A.730323-1), che mira a integrare diverse azioni di innovazione per migliorare la redditività del riciclaggio dei materiali compositi e il loro riutilizzo in prodotti a valore aggiunto. Come partner di progetto, Holonix supporta il processo di eco-design per stimolare la co-creation e sostiene lo sviluppo di una piattaforma che connette gli attori dell’intera value-chain.

Dal punto di vista industriale, in Holonix siamo da sempre al fianco delle piccole e medie
eccellenze manifatturiere italiane, con un approccio totalmente customizzato sulle reali
esigenze delle stesse per supportarle e accompagnarle nel delicato ma necessario cambiamento verso una fabbrica “smart”.

Attraverso il nostro servizio IoTExperience, interventi condivisi modulari, progressivi e
personalizzati, ogni realtà industriale, in base alle competenze già presenti in azienda, potrà conoscere le innovazioni IoT e augmented intelligence nel proprio settore, progettare le proprie iniziative di innovazione, realizzare un progetto di innovazione IoT e AI nella propria realtà.

Leggi anche:  Overace, consulenza e tecnologia binomio vincente

Oltre la formazione, oltre la consulenza, perché le imprese manifatturiere hanno necessità
di confrontarsi e appoggiarsi a imprese ICT competenti, che adottano un approccio ben
lontano dalla classica consulenza o mera vendita di prodotti software “a pacchetto”.

Grazie a una progressiva digitalizzazione seguita da vicino e studiata insieme al Team Holonix, i processi aziendali diventano più performanti, diviene più semplice acquisire e interpretare i dati e le informazioni, anche quelle relative al grado di soddisfacimento dei clienti. Il processo di digitalizzazione aiuta i dipendenti a comunicare tra loro in maniera rapida ed efficace, a interagire con i macchinari, monitorandone lo stato e intervenendo prontamente in caso di guasti o anomalie. In favore di manager e dirigenti, l’uso di tecnologie innovative e digitali semplifica il processo di rilevazione delle informazioni e l’analisi dei budget.

È chiara dunque la necessità di un’implementazione strategica, una vera e propria riorganizzazione aziendale, improntata a una cultura digitale che si può agilmente acquisire da chi ha fatto di questo paradigma il proprio mestiere e si confronta quotidianamente con
le aziende tramite questi percorsi di crescita condivisi. L’obiettivo comune è ampliare la digitalizzazione ai diversi processi di business rendendoli integrati e prospettici. Conoscere le tecnologie della Smart Industry, progettarne l’utilizzo ottimale nella propria realtà, realizzare con esse l’innovazione dei propri processi, prodotti e modelli di business, sono gli step da affrontare per intraprendere il percorso di digitalizzazione e rimanere competitivi in un mercato sempre più articolato ed esigente.