Elon Musk prepara le piste di lancio nel mezzo dell’Oceano

Elon Musk prepara le piste di lancio nel mezzo dell’Oceano

SN16 partirà dal Texas alle Hawaii il mese prossimo, nel primo test di volo orbitale del razzo di nuova generazione

Elon Musk ha rivelato i piani per il lancio di un razzo Starship da uno “spazioporto oceanico” nel 2022. Il CEO di SpaceX ha affermato che la piattaforma offshore, chiamata Deimos in onore di una delle lune di Marte, è già in costruzione e sarà pronta per l’imbarcazione diretta su Marte il prossimo anno. SpaceX prevede di stabilire siti di lancio di Starship in tutto il mondo e ha già acquisito piattaforme petrolifere in disuso da convertirle in spaziporti. Deimos e un altro impianto di nome Phoibos sono attualmente in fase di conversione nel porto di Brownsville vicino alla struttura Starbase di SpaceX a Boca Chica, in Texas.

Ogni impianto è costato circa 3,5 milioni di dollari, e Musk ha twittato a febbraio: “Spero che non andremo in bancarotta costruendoli”. SpaceX ha completato il primo atterraggio di successo di un’astronave a seguito di un test di volo ad alta quota all’inizio di questo mese, con un test orbitale previsto per il prossimo prototipo SN16 prima di luglio. 

I test del razzo di nuova generazione si stanno svolgendo anche in Texas, dove Musk si è trasferito lo scorso anno per concentrare la sua attenzione sullo sviluppo di Starship. SpaceX ha già ottenuto un contratto da 3 miliardi di dollari con la Nasa, che vedrà l’agenzia spaziale statunitense collaborare con l’azienda spaziale privata per riportare gli esseri umani sulla Luna a bordo di un razzo Starship entro il 2024. Musk alla fine spera di costruire centinaia di astronavi per stabilire una colonia umana permanente su Marte.

Leggi anche:  È online buonicomuni.it, il sito dei buoni spesa Amilon per i Comuni Italiani

I primi viaggi con equipaggio sul Pianeta Rosso potrebbero avvenire già nel 2024. Il test orbitale Starship SN16 di giugno sarà il primo a utilizzare il razzo Super Heavy di SpaceX, alto 70 metri, che aiuterà a spingere in orbita il velivolo da 50 metri. Lo stadio di richiamo si separerà dall’astronave circa 170 secondi dopo l’inizio del volo di 90 minuti, che porterà un’imbarcazione senza equipaggio dalla struttura di Boca Chica alle Hawaii.