I nuovi regimi opzionali IVA OSS e IOSS e gli obblighi di conservazione digitale a norma dei documenti delle transazioni

I nuovi regimi opzionali IVA OSS e IOSS e gli obblighi di conservazione digitale a norma dei documenti delle transazioni

La conservazione digitale a norma è un punto fermo e imprescindibile nella gestione del documento informatico e investe numerosi ambiti del mercato pubblico e privato, ponendosi tra i cardini del processo di transizione al digitale.

Affidarsi a un partner specializzato e qualificato, in grado di recepire con tempestività le normative di riferimento nell’adeguare i propri sistemi e servizi atti alla conservazione digitale a norma dei documenti, è un elemento fondamentale per ogni realtà professionale.

PA Digitale S.p.A., qualificandosi tra le prime software house ad ottenere il riconoscimento AgID di Conservatore Accreditato (ai sensi del CAD – D.Lgs 82/2005 e smi) e con il proprio sistema di conservazione conforme ai requisiti individuati all’art. 24 del Regolamento (UE) 910/2014 eIDAS (Circolare di Accreditamento di ACCREDIA), è il partner tecnologico per gli Operatori Privati e per gli Enti che scelgono la sicurezza di un sistema di conservazione costantemente adeguato alle normative e fondato non solo su una solida base di tecnologia innovativa ma anche su elevate competenze professionali informatiche, giuridiche e archivistiche.

Per gli operatori privati, la possibilità di affidarsi a un sistema di conservazione in grado di integrarsi con il proprio gestionale contabile/fiscale, è inoltre un elemento vincente per assicurare il valore legale nel tempo a tutti i documenti conservati, fiscali e contabili, senza necessità di sostituire i software in uso. Con il sistema WebTec, PA Digitale propone un servizio di conservazione in grado di “colloquiare” con i principali gestionali del mercato tramite una ricca libreria di API rest, mettendo al sicuro tutti i documenti richiesti per legge, senza che gli operatori debbano subire cambiamenti o disagi nelle attività quotidiane.

E’ ciò che può succedere alle imprese con la nuova disciplina IVA per l’e-commerce, ovvero per le vendite a distanza in tutta l’UE in vigore dal 1° luglio (intracomunitarie e di beni importati da Paesi o territori terzi) nei confronti di consumatori finali (D.Lgs. n. 83/2021, in attuazione del c.d. VAT e-commerce package, nell’ambito della riforma globale dell’IVA rappresentata dalla Commissione europea nel VAT action plan del 2016).

Leggi anche:  IBM Cloud accelera la trasformazione digitale delle PMI manifatturiere nella Fabbrica Digitale di MADE

La nuova direttiva (con i regimi opzionali OSS e IOSS) introduce un sistema europeo di assolvimento dell’IVA, centralizzato e trasparente che mira a semplificare e digitalizzare le procedure relative alle transazioni B2C. Allo scopo di rendere anche più efficace la riscossione dell’IVA e la lotta all’evasione, sono previste disposizioni ben precise in materia di conservazione delle registrazioni delle transazioni che possono essere richieste dalle autorità fiscali ai fini di verificare la corretta applicazione dell’IVA.

L’obbligo di conservazione a norma dei documenti relativi alle cessioni o prestazioni che rientrano nei regimi OSS/IOSS, è previsto per 10 anni a partire dal 31 dicembre dell’anno in cui ricorre l’operazione.

PA Digitale garantisce un sistema di conservazione sicuro e qualificato, in cui con la massima semplicità, libertà e autonomia, senza cambiare il software gestionale, è possibile proteggere i propri documenti e renderli disponibili in qualsiasi momento, in modo da rispondere agli eventuali controlli delle Autorità preposte.

WebTec è un sistema certificato:

  • UNI EN ISO 9001:2015 – Sistemi di gestione per la qualità
  • UNI CEI EN ISO/IEC 27001:2017 – Tecnologie Informatiche – Tecniche per la Sicurezza – Sistemi di gestione per la sicurezza delle informazioni (esteso alle Linee Guida: ISO/IEC 27017:2015 e ISO/IEC 27018:2019).