Revobyte apre le porte ai nuovi talenti dell’ICT

Revobyte apre le porte ai nuovi talenti dell’ICT

Saranno 15 i giovani selezionati, tra i diplomati di scuola secondaria superiore con competenze tecnico-scientifiche, che frequenteranno il percorso di Revobyte Academy, istituito dall’azienda per formare specialisti in aree in cui è difficile reperirli

Consentire ai giovani di diventare un professionista dell’ICT grazie a competenze tecniche specialistiche molto richieste dal mercato, ma spesso difficili da trovare. Questo è quanto si propone di fare Gruppo Revobyte, grazie al programma di formazione Revobyte Academy. Il Gruppo, nato nel maggio 2020, costituito da realtà quali Speditamente, ADM Form e SiLogistica, ha deciso di crescere 15 nuovi talenti nel settore dell’Information & communication technology, scegliendoli tra i diplomati di scuola secondaria superiore con formazione tecnico-scientifica.

FORMAZIONE SUL CAMPO

«L’idea della Revobyte Academy è nata qualche mese fa, dalla difficoltà che trovavamo a reperire figure professionali molto richieste dal mercato, in particolare specializzate su VMware» – spiega Francesco Sirabella, managing director di Revobyte. «Abbiamo deciso, quindi, anche grazie alla presenza nel Gruppo di ADM Form, società attiva nel settore formazione, di occuparci direttamente di training professionalizzanti. Una spinta, in direzione di questa scelta, ci è giunta anche dal discorso che Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica e la Transizione digitale, ha tenuto nel maggio scorso, invitando le imprese italiane ad assumere giovani qualificati. Grazie alla nostra iniziativa, vogliamo contribuire concretamente allo sviluppo del Sistema Paese, in un momento segnato da una grande difficoltà come quella dell’emergenza sanitaria nazionale, formando gratuitamente giovani meritevoli, con un approccio didattico fortemente pratico, dal momento che la formazione avverrà direttamente in azienda sin dalle prime fasi». L’inizio del percorso formativo è previsto per il prossimo settembre. I 15 frequentanti, che godranno anche di un rimborso spese, alla fine del corso saranno tutti assunti, o da Revobyte o in altri contesti aziendali. «Uno dei punti di forza di questo progetto formativo è costituito dalla possibilità, per i frequentanti, di essere subito immersi in azienda» – dice Sirabella. «Questo permetterà di acquisire confidenza con i processi e con le dinamiche delle più moderne organizzazioni aziendali, facilitando l’inserimento definitivo nel mondo del lavoro».

ALLEANZE DI RILIEVO

«Abbiamo creato un progetto ambizioso, che si avvale della collaborazione di partner importanti» – prosegue il managing director di Revobyte. «Uno di essi è Randstad Technologies Italia, la divisione del gruppo Randstad che si occupa di ricerca di profili ICT. Con loro, avvieremo la fase dedicata alla selezione dei frequentanti, prestando attenzione anche alle quote rosa». Un partner tecnologico di rilievo, a supporto del corso, è VMware. «Quella con VMware è una delle partnership più importanti per Revobyte» – spiega Sirabella. «Siamo Professional Service Organization per l’Italia di VMware, quindi partner autorizzati a erogare servizi funzionali VMware grazie a un team di figure specializzate. Il programma formativo ha lo scopo di formare profili professionali che sappiano gestire ambienti di data center tradizionali virtualizzati o in cloud. Quindi non potevamo che coinvolgere VMware, che supporta e crede nel nostro progetto per trasferire le competenze necessarie ai giovani scelti, sia durante i training in aula sia nel contesto lavorativo».

Leggi anche:  Cambio vertice in Intesa (Gruppo IBM): nominati nuovi Presidente, CEO e Direttore Generale

Edoardo D’angelo, senior manager VMware PSO Delivery Italia commenta: «L’Academy Revobyte può giocare un ruolo centrale per lo sviluppo dei nuovi talenti che potranno essere i perfetti professionisti del futuro. L’attività di formazione metterà i candidati in condizione di esprimere tutto il loro potenziale, supportandone al massimo la formazione e non costringendoli in ruoli predefiniti in cui calarsi per obbligo e non per scelta». Nel programma formativo sono previste anche giornate dedicate a Microsoft.