Android 12 potrebbe debuttare il 4 ottobre

Android 12 potrebbe debuttare il 4 ottobre

La data sarebbe la stessa del lancio dei Pixel 6

Android 12 ha impiegato più tempo a essere sviluppato rispetto a molti dei suoi predecessori, ma la data di lancio potrebbe finalmente essere vicina. Il sito XDA afferma che Google prevede di rilasciare la versione AOSP (Android Open Source Project) il 4 ottobre. Poiché la società offre spesso versioni pubbliche contemporaneamente a AOSP, ciò suggerisce che i proprietari di Pixel potrebbero ottenere il loro aggiornamento a partire da quel giorno. Se i tempi fossero confermati, ciò legherebbe anche la data di lancio del Pixel 4 a quella di Android 12, proprio il 4 ottobre.

Il motivo? Google non può davvero spedire i suoi nuovi telefoni top di gamma senza l’ultimo sistema operativo casalingo, quindi è improbabile che l’update debutti formalmente prima dell’annuncio dei nuovi smartphone. Se alcuni produttori di telefoni tendono ad essere rapidi e rilasciano importanti aggiornamenti Android in poche settimane, molti altri impiegano mesi. Samsung non ha iniziato a distribuire Android 11 fino a dicembre 2020, tre mesi dopo che Google ha rilasciato ufficialmente il sistema operativo. E nonostante Big G abbia fatto un gran lavoro per ridurre i ritardi con iniziative come Project Treble, le aziende richiedono ancora tempo per adattare Android a interfacce fortemente personalizzate, oltre che testare il software con clienti e operatori. 

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato.

Un occhio di riguardo ulteriore per questa versione dovrebbe andare ai dispositivi pieghevoli, con già Android 11 che ha fatto un passo avanti in tale direzione con funzioni ad-hoc pensate proprio per un utilizzo ‘foldable’. Dato il possibile rilascio di altri modelli con simile tecnologia ,da parte di altri produttori, è evidente che il futuro dell’OS più usato al mondo sul mobile, sia sempre più indirizzato verso tale scenario flessibile.

Leggi anche:  Memori porta la sua piattaforma di AI conversazionale AISURU al livello successivo