Apple presenta i nuovi iPhone 13

Apple ammette che l'iPhone 13 non va in automatico a 120 Hz

Pochi cambiamenti per la linea di smartphone, torna invece l’iPad Mini: delusione Watch

Apple ha presentato gli iPhone 13 e un nuovo iPad mini, espandendo la connettività 5G su tutti i dispositivi, che adesso sfruttano chip più veloci e fotocamere più nitide. L’iPhone 13 monta il processore A15 Bionic che alimenta funzionalità come il rilevamento automatico quando la fotocamera del telefono è puntata al testo e una modalità, su iPhone 13 Pro e Pro Max, ‘cinematica’, per girare video come un vero regista. Vari i colori a disposizione, cinque in tutto.

Quello che cambia tra gli iPhone 13 e 13 Mini rispetto ai 13 Pro e 13 Pro Max è la diagonale del display (da 5,4 e 6,1 per Mini e 13 e 13 Pro, 6,4 sul Pro Max) e, soprattutto, un nuovo sensore fotografico sui Pro, in grado di catturare immagini con una maggiore luminosità e girare filmati da professionista. Questi i prezzi: iPhone 13 mini da 128 GB: 839€, da 256 GB: 959€, da 512 GB: 1.189€. iPhone 13 da 128 GB: 939€, da 256 GB: 1.059€ e da 512 GB: 1.289€. iPhone 13 Pro da 128 GB: 1.189€, da 256 GB: 1.309€, da 512 GB: 1.539€ e da ben 1 TB: 1.769€. iPhone 13 Pro Max da 128 GB: 1.289€, da 256 GB: 1.409€, da 512 GB: 1.639€ e da 1 TB: 1.869€.

Il resto

Nella giornata di ieri Apple ha presentato anche l’iPad Mini e il Watch Series 7. Molto interessante il primo, a due anni di distanza dal modello precedente. Il tablet ha display da oltre 8 pollici, tecnologia Oled, tasto di accensione con Touch ID integrato e ricarica USB-C. Difficilmente ci si potrà lavorare ma le due casse stereo lo pongono come sicuro compagno di gioco e intrattenimento.

Leggi anche:  Vivo debutta con la serie X60 e fotocamere Zeiss

Maggiore delusione per lo smartwatch: tutti si attendevano un modello più tondeggiante e invece è lo stesso di sempre, con cornici squadrate. Peraltro, non ci sono nemmeno i sensori di cui si è parlato nel corso dell’ultimo anno, come la misurazione della temperatura corporea e della glicemia. Insomma, il Watch Series 7 non si può nemmeno considerare un aggiornamento del 6.