Qintesi, qualità e innovazione al primo posto

Qintesi, qualità e innovazione al primo posto

Il system integrator di origini bergamasche si conferma punto di riferimento in Italia per il settore assicurativo e un player con importanti referenze in diverse industry. Angelo Amaglio, presidente: «Crediamo molto nel presidio di territori e competenze e puntiamo su una crescita “ordinata”» 

Fondata a Bergamo alla fine del 2011, Qintesi è una tech company specializzata in servizi di system integration e management consulting. L’obiettivo è di accrescere il valore e migliorare la competitività dei clienti supportandoli nei processi di digitalizzazione e innovazione, attraverso l’implementazione di soluzioni applicative avanzate, proposte con metodologie evolute e modelli operativi best-in-class per diversi settori. I mercati di riferimento sono i financial services, in particolare il mondo assicurativo, engineering & construction, manufacturing, energy & utilities, chemical & pharma, professional services. Qintesi – dove “Q” sta per “qualità” a cui si aggiungono innovazione, tecnologia e sintesi – nasce dall’esperienza di Angelo Amaglio, presidente e di Alberto Pogna, amministratore delegato, che insieme agli equity-partner Giovanni Caglioni, Luca Gaietta e Daniele Gozzo, hanno dato vita ad un progetto imprenditoriale che oggi conta oltre 300 dipendenti, che diventano 400 se si comprendono le società controllate e partecipate, e che nel 2020 ha registrato un fatturato aggregato superiore ai 35 milioni di euro.

CRESCITA SOLIDA E COSTANTE

Nel 2016 – come ricorda il presidente Angelo Amaglio – Qintesi ha ottenuto la Certificazione ISO 9001:2015 per “Progettazione, sviluppo e messa in opera di soluzioni informatiche in ambito gestionale, amministrativo e finanziario”. È stata una delle prime realtà del settore ad aver ottenuto questa certificazione. Qintesi è membro del Gruppo SIT (Servizi Innovativi e Tecnologici) di Confindustria Bergamo, e ha ottenuto il “Rating di Legalità” concesso dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato con due stelle. Attualmente, vanta 3 sedi (Bergamo, Milano e Marcon, in provincia di Venezia) ed è la capofila di un network più ampio che comprende altre quattro società: Qintesi Technology & Services (Bergamo e Milano), BF Partners (Genova), IT-Link (Brescia e Mantova) e Huware (Milano). «L’auspicio è che da qui a fine anno si possa arricchire questo percorso con ulteriori aggregazioni societarie» – rivela Amaglio. «Crediamo molto nel presidio di territori e competenze e puntiamo a crescere in modo “ordinato”, valorizzando le specifiche vocazioni. Vogliamo affiancare al mercato delle “large enterprise” il segmento delle medie imprese industriali che rappresenta il tessuto “vitale” del sistema economico italiano, offrendo soluzioni avanzate di “digital manufacturing”, e supportare i processi decisionali di C-level e imprenditori con modelli di predictive analytics. Stiamo inoltre costruendo relazioni con player locali per aumentare la nostra presenza su Roma. Infine, stiamo ampliando la nostra gamma, affiancando ai servizi di system integration una linea di servizi di advisory e management consulting dedicati alle PMI, in particolare nell’area del CFO ma non solo, grazie a un importante presidio in Sicilia, a Catania».

Leggi anche:  Data management, il dato come motore del business

Qintesi è SAP Gold Partner (con la qualifica di “Service Partner” e “Build Partner”) e Google Cloud Partner. «Sin dall’inizio, abbiamo creduto nella relazione con SAP, certi della qualità dell’offerta e della capacità del colosso tedesco di potersi affermare come software vendor di riferimento nei principali segmenti di mercato» – spiega Amaglio. «Oggi, serviamo aziende leader nei loro settori. Serviamo i principali gruppi assicurativi presenti sul nostro territorio che adottano SAP come sistema informativo, unitamente a clienti di medie e piccole dimensioni, garantendo a tutti la medesima attenzione e professionalità».

MESSA A TERRA DELL’INNOVAZIONE

Da sempre, Qintesi investe in innovazione attraverso una costante attività di acquisizione di competenze e valutazione di nuove tecnologie e soluzioni innovative; è in quest’ottica, ad esempio, che si colloca la partnership con Google. Questo sforzo si traduce in investimenti in progetti di innovazione pari a circa il 7% della capacità produttiva. L’ultimo importante riconoscimento (“Campione della crescita 2021”) colloca Qintesi tra le 400 aziende con più espansione economica in Italia negli ultimi tre anni. Il 2020 è stato un anno che definirei “dirompente” – afferma il presidente Amaglio. «Nel giro di pochi giorni, abbiamo dovuto reagire alla crisi pandemica cambiando il nostro modello di delivery ma i risultati ci hanno premiato. Quest’anno stiamo infatti raccogliendo i frutti delle strategie che abbiamo messo in atto. Da qui a dicembre, abbiamo in serbo altri progetti che ci permetteranno di affrontare il 2022 con un rinnovato dinamismo, all’insegna dello sviluppo e della crescita».