Il social network di Trump è costruito su una piattaforma non autorizzata

Il social network di Trump è costruito su una piattaforma non autorizzata

Il progetto non ha condiviso il codice sorgente come da policy della SFC

La Software Freedom Conservancy (SFC) afferma che il Trump Media and Technology Group (TMTG) ha violato un accordo di licenza quando ha recentemente lanciato una versione di prova di TRUTH Social. Il sito web funzionava su una versione modificata di Mastodon, una piattaforma gratuita e open source per il funzionamento di reti di social media simili a Twitter. Chiunque può utilizzare Mastodon purché rispetti l’AGPLv3, la licenza software che ne regola il codice.

Una delle disposizioni centrali dell’AGPLv3 è che i licenziatari devono condividere il proprio codice sorgente con tutti gli utenti. Ebbene, la versione di prova di TRUTH non lo ha fatto. La Software Freedom Conservancy, un’organizzazione che applica le licenze software open source, afferma che TMTG ha 30 giorni per conformarsi all’AGPLv3 o affrontarne le conseguenze. “La licenza tratta tutti allo stesso modo a patto che operino secondo le stesse regole delle licenze copyleft” ha affermato in un post sul blog.

Social non conforme

A quanto pare, la società deve “immediatamente” rendere disponibile il codice sorgente di TRUTH Social a tutti coloro che hanno avuto accesso al sito all’inizio. Se TMTG non lo farà entro 30 giorni, perderà definitivamente l’accesso al software utilizzato per costruire la sua piattaforma. “Ecco come funziona la fornitura di AGPLv3 – senza eccezioni – anche se sei un magnate immobiliare, una star della televisione di realtà o anche un ex presidente” ha detto l’SFC.

“Seguiremo la vicenda da vicino e chiederemo al gruppo di Trump di fornire la sorgente corrispondente a tutti coloro che utilizzano il sito”. In chiusura, SFC ha condiviso i dettagli su come TRUTH Social è stato deturpato al lancio. Affermando di non aver trovato prove che qualcuno abbia “violato illegalmente” il sito web. Invece, rileva che l’episodio è stato il risultato di una configurazione impropria. “Una volta scoperto, le persone hanno semplicemente utilizzato il sito in modo legittimo per registrare account e utilizzare le sue funzionalità” ha affermato l’organizzazione.

Leggi anche:  Amazon.it annuncia la terza edizione di "Un click per la Scuola"