La presenza Cloud di Oracle si espande a livello mondiale a un passo di crescita a tre cifre

La presenza Cloud di Oracle si espande a livello mondiale a un passo di crescita a tre cifre

Strategia “dual-region” (regioni Cloud statali dedicate alle Pubbliche Amministrazioni, oltre a quelle “commerciali”), sostenibilità e architettura cloud di nuova generazione per supportare i clienti nel gestire la continuità del business e soddisfare i requisiti di conformità

Oracle pianifica di espandere ulteriormente la presenza delle proprie cloud region per soddisfare l’elevata richiesta di servizi Oracle Cloud da parte dei clienti di tutto il mondo. Nel corso del prossimo anno Oracle aprirà infatti ben 14 cloud region, con nuove sedi in Europa, Medio Oriente, Asia Pacifico e America Latina. Le prossime aperture riguardano Milano, Stoccolma (Svezia), Marsiglia (Francia), Spagna, Singapore, Johannesburg (Sud Africa), Gerusalemme (Israele), Messico e Colombia. Inoltre ad Abu Dhabi (EAU) ed in Arabia Saudita, Francia, Israele e Cile sarà aperta anche una seconda region all’interno dello stesso paese. Oracle prevede di avere almeno 44 cloud region entro la fine del 2022, continuando in una delle espansioni più veloci rispetto a qualsiasi altro cloud provider.

Oracle garantisce un’ampia offerta di servizi cloud grazie a 30 cloud region – commerciali e statali – in 14 Paesi sui cinque continenti, per essere al fianco dei propri clienti, la cui base si sta allargando a livello mondiale. OCI attualmente gestisce 23 regioni commerciali e sette regioni statali, oltre a ulteriori “dedicated region” e cloud region di sicurezza nazionale.

“Oracle Cloud Infrastructure ha registrato una crescita eccezionale nell’ultimo anno”, ha affermato Clay Magouyrk, executive vice president, Oracle Cloud Infrastructure. “Abbiamo introdotto diverse centinaia di nuovi servizi e funzionalità cloud e vediamo sempre più aziende di tutto il mondo affidarsi a OCI per eseguire in cloud i loro carichi di lavoro più importanti e mission-critical. Con le nuove cloud region, molte piu aziende saranno in grado di utilizzare i nostri servizi cloud per supportare la propria crescita e il loro successo”.

Leggi anche:  Nuova Region per il Cloud open source di IRIDEOS

Per sostenere i clienti nella costruzione di architetture con business continuity e disaster protection, e al contempo aiutarli a soddisfare i requisiti di residenza dei dati nel Paese di riferimento, Oracle prevede di costruire almeno due cloud region in quasi tutti i Paesi in cui opera. Gli Stati Uniti, il Canada, il Regno Unito, la Corea del Sud, il Giappone, il Brasile, l’India e l’Australia hanno già due cloud region.

La strategia di Oracle è soddisfare i clienti nel luogo dove si trovano e consentire loro di conservare dati e servizi dove è necessario. I clienti possono utilizzare Oracle Cloud all’interno dei propri data-center grazie alle Dedicated Region (Cloud@Customer) ed Exadata Cloud@Customer, utilizzando servizi cloud a livello locale gestiti da cloud pubblico o ancora utilizzare servizi cloud remotamente in località non connesse con Roving Edge Infrastructure.

Elevata disponibilità, protezione dai disastri e strategia cloud dual-region

L’architettura di nuova generazione di OCI fornisce una piattaforma resiliente e ad alte prestazioni per i servizi cloud, mentre il disegno della rete fisica e virtuale massimizza le prestazioni e la sicurezza. Ad esempio, ogni regione Oracle Cloud contiene almeno tre fault domain, raggruppamenti hardware che formano datacenter logici per alta disponibilità e resilienza ai guasti hardware e di rete. Alcune regioni (Ashburn, Phoenix, Francoforte e Londra) forniscono ulteriore resilienza grazie alla presenza di availability domain (AD) multipli, ognuno dei quali contiene sempre anche tre fault domain.

Per quanto riguarda i requisiti di business continuity e compliance, l’esclusiva strategia ‘dual-region cloud’ di Oracle consente ai clienti di distribuire applicazioni resilienti in più sedi geograficamente separate, senza che i dati sensibili lascino il Paese. Per aiutare i clienti a distribuire le implementazioni delle proprie applicazioni sui datacenter, soddisfacendo i requisiti ed ottimizzando la loro infrastruttura cloud, OCI offre una dashboard gratuita sulle latenza tra le region, che dà informazioni sui tempi latenza sia in tempo reale che su base storica tra le region Oracle Cloud di tutto il mondo.

Leggi anche:  Ansaldo Energia sceglie VMware Cloud on AWS

Sostenibilità

Oracle è inoltre attivamente impegnata nella sostenibilità e tutte le regioni Oracle Cloud del mondo saranno alimentate con energia rinnovabile al 100% entro il 2025. Varie region Oracle Cloud, comprese le region in Nord America, Sud America ed Europa, lo sono già – e tutte utilizzano tecnologie all’avanguardia per la gestione dell’energia e il raffreddamento, in modo da ridurre al minimo l’impatto sull’ambiente. Nell’ambito dell’impegno per un “cloud pulito”, Oracle ha riutilizzato o riciclato il 99,6% del proprio hardware che è stato ritirato nel corso dell’anno fiscale 2021, rispettando rigorosamente le normative in ambito privacy e sicurezza dei dati di Oracle.

Le cloud region offrono tutti i servizi cloud e multicloud

Tutte le region Oracle Cloud supportano tutti i servizi e le funzionalità Oracle, disponibili a tutti i clienti nel mondo, come Oracle Autonomous Database, Oracle Container Engine per Kubernetes, la soluzione Oracle Cloud VMware e le Oracle Fusion Cloud Applications.

L’estesa rete di oltre 70 partner – globali e regionali – FastConnect di OCI inoltre offre ai clienti connettività dedicata alle region Oracle Cloud e ai servizi OCI, con le migliori opzioni in qualsiasi parte del mondo. FastConnect fornisce un modo semplice, flessibile ed economico per creare una connessione di rete dedicata e privata con maggiore larghezza di banda, latenza inferiore e prestazioni consistentemente superiori rispetto alle connessioni pubbliche su Internet.

Inoltre, la partnership strategica tra OCI e Microsoft Azure consente ai clienti di eseguire carichi di lavoro interconessi attraverso i due cloud. Questa partnership fornisce un’interconnessione cross-cloud a bassa latenza tra OCI e Azure in otto region (Ashburn, Toronto, Londra, Amsterdam, Tokyo, San Jose, Vinhedo e Francoforte), garantisce la federazione delle identità per i clienti congiunti, di modo da poter distribuire le applicazioni su entrambi i cloud e fornisce inoltre un modello di supporto collaborativo. I clienti possono eseguire il completo stack delle loro applicazioni in una configurazione multi-cloud, mantenendo la connettività ad alte prestazioni senza richiedere la riprogettazione dell’architettura. Possono anche eseguire la migrazione di applicazioni esistenti o sviluppare applicazioni cloud-native che utilizzano una combinazione di servizi OCI e Azure.

Leggi anche:  Il futuro del cloud secondo Cisco

Quali sono le Cloud Region di Oracle a livello mondiale attualmente disponibili:

• Asia Pacifico: Tokyo (Giappone), Osaka (Giappone), Seoul (Corea del Sud), Chuncheon (Corea del Sud), Mumbai (India), Hyderabad (India), Sydney (Australia), Melbourne (Australia)

  • Americhe: San Jose (Stati Uniti), Phoenix (Stati Uniti), Ashburn (Stati Uniti), Toronto (Canada), Montreal (Canada), São Paolo (Brasile), Vinhedo (Brasile), Santiago (Cile)
  • Europa: Francoforte (Germania), Londra (Regno Unito), Newport, Galles (Regno Unito), Zurigo (Svizzera), Amsterdam (Paesi Bassi)
  • Medio Oriente: Jeddah (Arabia Saudita), Dubai (EAU)
  • Governative: due cloud region generiche per il Governo degli Stati Uniti e per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti, tre region specifiche per il Dipartimento della Difesa U.S.A e due region nel Regno Unito (Londra e Newport, Galles)