PUNCH Torino sceglie le soluzioni Oracle Cloud per l’High Performance Computing

Centro di eccellenza ingegneristica con sede a Torino, fa parte del Gruppo internazionale che progetta soluzioni chiavi in mano per sistemi di propulsione e controlloper alcuni dei principali marchi automobilistici

PUNCH Torino ha selezionato Oracle Cloud High Performance Computing per il proprio lavoro di analisi sui sistemi innovativi di propulsione e controllo in ambito automotive.

PUNCH Torino ha infatti recentemente assunto la responsabilità globale delle attività di Ricerca e Sviluppo per il gruppo PUNCH in tutto il mondo, con competenze uniche nello sviluppo, produzione e integrazione di tecnologie, sistemi e processi collaudati per soluzioni chiavi in mano.

Tecnologie che utilizzano l’idrogeno, progetti di micro-mobilità sostenibile e sicura, applicazioni di intelligenza artificiale, utilizzo della produzione additiva e dell’elettronica avanzata sono solo alcune delle offerte che PUNCH Group è in grado di fornire ai propri clienti a livello globale.

Per lavorare su tutti questi progetti e applicazioni, PUNCH era alla ricerca di un partner sull’infrastruttura IT che fosse in grado di far fronte alle sue esigenze di simulazione e prototipazione virtuale. La flessibilità di scalare verso l’alto e verso il basso a seconda del carico di lavoro, dando sempre le migliori prestazioni possibili, era fattore chiave nel processo decisionale. La soluzione HPC di Oracle fornisce infatti l’agilità necessaria al team PUNCH per i suoi nuovi progetti, che oggi dispongono di risorse cloud scalabili, che permettono agli sviluppatori di utilizzare sempre componenti ottimizzate.

“Abbiamo eseguito un Proof of Concept con risultati di performance eccezionali, e dal POC a un ambiente di prova del prodotto ci sono volute solo 10 settimane” dice Mauro Bighi, IT Manager di PUNCH Torino. “Abbiamo scelto Oracle per il benchmarking veloce e per la capacità di fornirci le competenze HPC che ci hanno supportato durante il passaggio dal POC alla produzione”.

Leggi anche:  Zoom attiverà entro l’autunno i sottotitoli automatici

Tutto è stato possibile grazie alla perfetta collaborazione di tutto il team esteso di Oracle – e in particolare degli specialisti HPC automotive – con il Partner e System Integrator scelto da PUNCH, Do-IT.