Scandalo Facebook: “Sceglie i profitti invece della sicurezza”

Scandalo Facebook: “Sceglie i profitti invece della sicurezza”

L’informatore che ha fornito documenti ai giornali americani è una ex dipendente, che ha lasciato l’azienda a maggio

Documenti interni pubblicati dal Wall Street Journal hanno rivelato che Facebook ha permesso ai VIP di infrangere molte delle sue regole e non solo. Il social era consapevole di come Instagram influenzasse la salute mentale degli adolescenti. Ora, l’informatore che ha portato alla luce queste informazioni si è rivelata come Frances Haugen in un’intervista a 60 Minutes.

“Facebook, più e più volte, ha dimostrato di preferire il profitto alla sicurezza”. Haugen è entrata a far parte di Facebook nel 2019, lavorando su questioni di democrazia e disinformazione, gestendo anche il controspionaggio. Ha lavorato come product manager del social e ha lasciato l’azienda a maggio. Per prima cosa ha portato “decine di migliaia” di pagine di documenti interni di Facebook al fondatore di Whistleblower Aid, John Tye, richiedendo protezione legale e aiuto nel rilascio delle informazioni. Il tesoretto include ricerche interne all’azienda, diapositive, lettere di presentazione e altro ancora. Ha anche presentato una denuncia alla Securities and Exchange Commission (SEC) contro Facebook, rea di aver intrapreso azioni interne che non corrispondevano alle sue dichiarazioni pubbliche.

Nella denuncia alla SEC, Haugen ha confrontato la ricerca interna e i documenti di Facebook con le dichiarazioni pubbliche e le divulgazioni fatte dal CEO Mark Zuckerberg e da altri dirigenti. In un esempio, ha affermato che Facebook ha contribuito alla disinformazione elettorale e all’insurrezione del Campidoglio degli Stati Uniti del 6 gennaio. “Facebook ha pubblicizzato il suo lavoro per combattere la disinformazione e l’estremismo violento relativi alle elezioni e all’insurrezione del 2020. In realtà, sapeva che i suoi algoritmi e le sue piattaforme promuovevano questo tipo di contenuti dannosi e non è riuscito a implementare contromisure raccomandate o durevoli internamente”. 

Leggi anche:  CoinDesk risolve un bug per l'insider trading di criptovalute

La stessa ricerca sta dimostrando che i contenuti che provocano odio e divisioni, possono spingere le persone più facilmente verso la rabbia. “Facebook ha capito che se cambiano l’algoritmo per diventare più sicuri, le persone trascorreranno meno tempo sul sito, cliccheranno su meno annunci, e quindi guadagneranno meno”. Facebook, che ha lottato per reprimere le fughe di notizie negli ultimi tempi, ha preventivamente respinto l’intervista, definendo le accuse “fuorvianti”. Il vicepresidente per la politica e gli affari globali, Nick Clegg, ha dichiarato alla CNN che Facebook rappresenta “il buono, il cattivo e il brutto dell’umanità” e che sta cercando di “mitigare il male, ridurlo e amplificare il bene”. Ha aggiunto che è “ridicolo” dare la colpa del 6 gennaio ai social media. In una dichiarazione a Engadget, la portavoce di Facebook, Lena Pietsch, ha affermato che “l’accusa ignora anche i significativi investimenti che facciamo per mantenere le persone al sicuro sulla nostra piattaforma. Dire che incoraggiamo i contenuti inappropriati e non facciamo nulla per eliminarlo non è vero”. 

La società ha anche respinto qualsiasi affermazione secondo cui stava fuorviando il pubblico o le autorità di regolamentazione. “Rimaniamo fedeli alle nostre dichiarazioni pubbliche e siamo pronti a rispondere a qualsiasi domanda che i regolatori possano avere sul nostro lavoro”. Alla fine, Haugen ha detto che vuole aiutare a migliorare Facebook, piuttosto che vederlo rimosso. “Il percorso da seguire riguarda la trasparenza e la governance” ha detto. Haugen testimonierà al Congresso sulle questioni relative all’impatto di Facebook sui giovani utenti martedì 5 dicembre.