Apple, via l’obbligo delle mascherine per alcuni negozi negli Usa

Apple, via l’obbligo delle mascherine per alcuni negozi negli Usa

Parzialmente rimossa la necessità del dispositivo di protezione individuale all’interno degli Apple Store

Apple ha deciso di allentare i requisiti di ingresso per i clienti in alcuni negozi negli Stati Uniti, dopo mesi di approcci molto più cauti. Secondo quanto riferito da Bloomberg, i piani della Mela sono quelli di eliminare l’obbligo di mascherina in circa 100 dei 270 negozi al dettaglio nel Paese. Stando alla notizia, la nuova policy si applicherà in Arizona, California, Connecticut, Florida, Louisiana, New Jersey e New York prima di diffondersi in altri stati e negozi. 

Il cambio di passo sarebbe arrivato a seguito del calo del numero di casi Covid-19 per le zone suddette e del miglioramento dei tassi di vaccinazione. La politica si applicherà indipendentemente dallo stato di vaccinazione di un cliente, anche se il personale al dettaglio dovrà comunque indossare maschere a causa di interazioni più lunghe e contatti più stretti. I negozi continueranno a richiedere mascherine nelle aree in cui il governo locale prevede ancora tale misura di sicurezza, come a Los Angeles e nella Bay Area di San Francisco.

L’azienda ha spesso modificato le sue politiche di vendita al dettaglio con l’evolversi della pandemia. Ad esempio, ha chiuso e riaperto negozi in base ai livelli dei casi. Ha eliminato il requisito della maschera in molti negozi statunitensi a giugno solo per riportarli indietro un mese dopo. Ed è il motivo per cui non si può dire se la mossa sia definitiva o meno o quando verrà introdotta in Europa, visto che la stesso svolgersi della pandemia è imprevedibile. Tuttavia, la rimozione parziale negli Usa è un forte segno di ritorno alla normalità da parte di Apple, sia nei negozi che in ufficio.

Leggi anche:  Il primo PC di Apple venduto a un’asta quasi record