I servizi cloud stanno trasformando il modo in cui viene creato valore nel settore dei servizi finanziari

TIBCO sfrutta appieno il potenziale del Master Data Management Software-as-a-Service con la nuova soluzione TIBCO Cloud EBX

Il report “Cloud in Financial Services”, realizzato da Reply e Imperial College Business School, fornisce una dettagliata sintesi su come il cloud stia trasformando il settore dei servizi finanziari.

“Il cloud è destinato ad affermarsi sempre più nel settore dei servizi finanziari e la pandemia ha ulteriormente accelerato questo processo” – ha commentato Nelson Phillips, professore di Technology Management presso l’Università della California (già professore di Innovation and Strategy e Decano Associato di External Relations presso la Imperial College Business School) – “Ma le istituzioni finanziarie devono gestire strategicamente questa trasformazione dando la giusta attenzione ad una serie di aspetti legati al progressivo spostamento delle attività verso il cloud. Importanti sfide strategiche e organizzative, infatti, devono essere affrontate affinché l’adozione del cloud sia efficace e le aziende traggano il massimo valore da questo cambiamento.”

La ricerca “Cloud in Financial Services” prende così in esame le sfide strategiche e organizzative, affrontando gli aspetti che più interessano i c-level – come produttività, compliance e costi – e al contempo mettendo in evidenza i pro e i contro dell’adozione del cloud.

Che il cloud rappresenti il futuro per il settore dei servizi finanziari è quanto emerge in modo netto dall’indagine che accompagna il report, che ha coinvolto più di 300 rappresentati di istituzioni finanziarie UK e EU. Alla richiesta di evidenziare i tre principali vantaggi del cloud gli intervistati hanno identificato: scalabilità on-demand (60%), possibilità di accelerare l’implementazione di nuove funzionalità (51%) e capacità di innovare (44%), tutti aspetti abilitanti una visione a lungo termine. Tra altri benefici da tenere in considerazione, il 29% degli intervistati evidenzia anche l’aumento di efficienza operativa e una maggiore cyber resilience.

Leggi anche:  Rosenberger OSI si unisce all'Association of Internet Industry e sarà un nuovo membro del progetto GAIA-X

Oltre ai benefici, tuttavia, gli istituti finanziari devono affrontare anche una serie di sfide quando si spostano verso il cloud. Nel selezionare le tre sfide principali gli intervistati hanno individuato le questioni normative e di compliance (74%), la mancanza di competenze sul cloud o la preparazione culturale all’interno della comunità degli stakeholder (59%) e la dipendenza dai fornitori di servizi cloud di terze parti (47%). Anche la necessità di bilanciare il rischio di una (eccessiva) dipendenza dai fornitori di terze parti è stato evidenziato tra i punti di attenzione da parte di molte istituzioni finanziarie. Non sorprende invece che la mancanza di fornitori competenti e la definizione di business case sostenibili siano state segnalate come le sfide meno rilevanti.

La cyber security è probabilmente l’aspetto per il quale il report “Cloud in Financial Services” ha evidenziato il paradosso più sorprendente. Una grande percentuale di intervistati ha notato che il cloud ha migliorato significativamente le proprie prestazioni di sicurezza rispetto ai sistemi gestiti tradizionalmente on premise. Allo stesso tempo però molti intervistati hanno sottolineato come i problemi di sicurezza siano tra i temi più impegnativi da affrontare nella transizione al cloud.

Freddy Gielen, Executive Partner di Reply, afferma: “Questo report dimostra che la velocità e l’impatto dell’adozione del cloud dipendono fortemente dalla presenza delle persone giuste, dall’esistenza della giusta cultura e dalla prontezza dei leader. Avere a disposizione la tecnologia migliore senza avere le persone adeguate, la cultura e la leadership non produrrà quell’impatto aziendale e quel ritorno sugli investimenti che è possibile ottenere da una transizione al cloud ben gestita.”

L’insight probabilmente più significativo emerso dall’indagine, infatti, è che l’esperienza conta: maggiore è l’esperienza che gli intervistati hanno con il cloud più sono in grado di riconoscere come un’implementazione cloud ben eseguita conduca ad effettivi miglioramenti nel business. In questo senso, il report, attingendo all’esperienza di oltre 5.000 progetti cloud condotti da Reply – di cui più di 1.000 nei servizi finanziari – fornisce spunti e indicazioni concrete utili ad impostare un percorso di adozione del cloud di successo.