I trend del 2022 per il Cloud

I trend del 2022 per il Cloud

Tra il 2020 e il 2021 il cloud computing è esploso a causa della pandemia globale che ci ha costretto al lavoro remoto. Nel 2022 assisteremo senza dubbio a una rapida adozione e crescita.

È probabile che l’attenzione si sposterà dall’implementazione di strumenti e piattaforme cloud al fine di migliorare una funzione specifica (come i Meet di Google Workspace), verso strategie più globali incentrate sulla migrazione cloud a livello aziendale.

L’aumento delle capacità della forza lavoro remota e ibrida rimarrà una tendenza chiave, ma assisteremo a continue innovazioni anche nell’infrastruttura cloud e nei data center.

Il cloud continua a crescere ed evolvere

La tecnologia cloud permette l’introduzione di tecnologia in maniera più leggera, più veloce e più accessibile dal punto di vista del cliente, e queste caratteristiche saranno un fattore chiave nella migrazione di servizi alle piattaforme cloud.

Secondo le previsioni di Gartner, la spesa globale per i servizi cloud dovrebbe superare i $482 miliardi nel 2022, rispetto ai $313 miliardi del 2020. L’infrastruttura di cloud computing è la spina dorsale di quasi tutti i servizi digitali, dai social media allo streaming per l’intrattenimento, fino all’Internet delle cose (IoT). Reti ultraveloci nuove o imminenti, come 5G e Wi-Fi 6E, non significano solo che più dati verranno trasmessi dal cloud, ma che sarà possibile trasmettere nuovi tipi di dati.

La sostenibilità come fattore trainante dell’innovazione cloud

Ogni azienda, in tema di sostenibilità, avrà un ruolo chiave nell’affrontare le sfide del cambiamento climatico. Nella tecnologia, questo si concentra spesso sulla riduzione del consumo energetico associato a computer sempre più potenti, requisiti di archiviazione digitale più grandi e costi energetici della fornitura di servizi di infrastruttura “sempre attivi” 24 ore su 24, 7 giorni su 7 ai clienti.

Leggi anche:  Equinix collabora con Nasdaq per scalare l’infrastruttura digitale

I giganti della tecnologia si impegneranno nel 2022 ad implementare misure e innovazioni volte ad aiutarli a raggiungere le loro aspirazioni a zero emissioni di carbonio. Amazon ad esempio, la più grande azienda cloud al mondo, è anche il più grande acquirente mondiale di energia rinnovabile e continua ad investire nella sostenibilità.

Cloud ibrido e ambienti multi-cloud

Con un cloud privato le aziende archiviano i propri dati in loco e beneficiano di bassa latenza e velocità di trasferimento dati elevata. Con un cloud pubblico invece, i dati vengono trasferiti a provider di server di terze parti, riducendo i costi dell’infrastruttura. I cloud ibridi rappresentano la strategia ideale per le aziende che vogliono gestire una mole importante di dati in maniera trasparente, ottenendo i vantaggi, in termini di velocità, di un accesso locale, e la possibilità di scalare grazie al cloud. Gli ambienti multi-cloud saranno una scelta strategica in termini di affidabilità, offrendo una maggiore ridondanza dei dati. Si prevede che queste soluzioni cresceranno del 20% su base annua, raggiungendo una dimensione di mercato di quasi 100 miliardi di dollari entro il 2022.

AI nel cloud computing

Il cloud computing svolge un ruolo chiave nella fornitura di servizi di intelligenza artificiale (AI), in quanto questo tipo di tecnologia richiede risorse computazionali elevate ed in continua evoluzione, non compatibili con un datacenter locale.

La maggior parte delle applicazioni basate sull’intelligenza artificiale, come gli assistenti vocali, i motori di ricerca o le previsioni meteo, sono un chiaro esempio di come la tecnologia del cloud computing sia ormai pervasiva e rappresenti l’unica vera strategia efficace.

Le future applicazioni dell’intelligenza artificiale saranno algoritmi “creativi” di apprendimento automatico in grado di operare in differenti ambiti, dall’arte ai dati sintetici per addestrare più AI, così come la modellazione del linguaggio, aumentando l’accuratezza e la capacità di comprendere i linguaggi umani.

Leggi anche:  Grazie alla partnership con Aiven, OVHcloud conferma la transizione verso il PaaS ed espande l’offerta DBaaS

Conclusioni

Le tecnologie cloud sono in continua evoluzione e rappresenteranno sempre di più l’unica vera strategia in grado di sostenere l’innovazione e aumentare i vantaggi competitivi delle aziende.

Come ogni tecnologia, anche quella del cloud computing va implementata mantenendo i criteri di affidabilità, continuità e sicurezza, attraverso partner qualificati, in modo da garantire un passaggio trasparente che garantisce i livelli di produttività e flessibilità a cui le aziende moderne sono abituate.