Il futuro secondo Cisco

I trend tecnologi per il 2022 secondo VEM sistemi

I trend tecnologici del 2022: da una Nuova Internet alla Cybersecurity

Una Nuova Internet, Evoluzione del Cloud, Cybersecurity, Futuro del lavoro e Sostenibilità. Sono questi i cinque trend tecnologici per il 2022 emersi nel corso dell’incontro organizzato presso il Cisco CyberSecurity Innovation Center situato nel Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano. Ad aprire i lavori l’amministratore delegato di Cisco Gianmatteo Manghi, che ha preso parte all’evento collegandosi da Roma attraverso il proprio ologramma a figura intera. Nei mesi scorsi Cisco aveva infatti lanciato Webex Hologram, una tecnologia di Realtà Aumentata (AR) che permette di visualizzare immagini in 3D durante i meeting di lavoro.

I partecipanti all’incontro, sia in presenza sia in remoto, hanno potuto quindi  interagire con l’immagine dell’AD di Cisco Italia proiettata a grandezza naturale: «I primi nove mesi del mio mandato sono stati focalizzati su tre punti: Persone e Comunità, Trasformazione Cloud e Software, Transizione verde e blu. Il primo punto implica mettere sempre al centro l’essere umano: quindi non solo lavoro flessibile, ma l’ufficio come luogo di aggregazione – ha spiegato Manghi -. Per questo abbiamo aperto spazi Cisco anche in Centri di Innovazione come Talent Garden a Milano, all’Università Federico II a Napoli e prestissimo anche a Firenze. In tema di Trasformazione Cloud e Software ci confermiamo a livello mondiale una delle aziende top al mondo con ricavi di 15 miliardi di dollari nell’anno fiscale 2021, mentre in Italia abbiamo siglato una importante partnership con Noovle, la cloud company del gruppo TIM, per lo sviluppo delle attività cloud per imprese e pubblica Amministrazione. Riguardo infine alla Transizione Ecologica – ha concluso l’AD – sono semplicemente due facce della stessa medaglia. Non si può però parlare di sostenibilità senza aver preso impegni precisi in prima persona. Cisco ha già annunciato di voler azzerare le emissioni nette totali entro il 2040, dieci anni prima rispetto al termine stabilito dagli esperti del settore, e ciò per evitare che il pianeta subisca effetti disastrosi a causa del cambiamento climatico».

Leggi anche:  Windows 11 consentirà di tornare a Windows 10

La tecnologia nell’anno che verrà

I trend tecnologici per il 2022 sono cinque. Il punto di partenza è rappresentato da una Nuova Internet, cioè da una concezione diversa della rete per il futuro del lavoro (Hybrid Work e Predictive Internet) «capace di prevedere i guasti e, senza che utenti e clienti se ne accorgano, sia in grado di dirottare il traffico dati su aree meno congestionate della rete, garantendo prestazioni ottimali – ha spiegato Paolo Campoli, Responsabile Global Service Provider di Cisco. «La vera differenza starà nella capacità delle reti di comprendere che cosa stiamo facendo online: ad esempio se il traffico da gestire proviene da smart working o da una transazione bancaria, e di adattarsi di conseguenza per garantire sempre le prestazioni necessarie». Altro punto focale per Campoli è quello legato al concetto di rete on demand (Network as a Service). «Già oggi gli operatori di grandissime dimensioni offrono ai clienti business servizi di connettività per accedere al cloud con modelli a richiesta, e questo implica anche una profonda trasformazione delle reti da parte degli operatori di telecomunicazione, che dovranno diventare sempre più programmabili e integrate per operare in questa ottica cloud. In particolare – ha aggiunto Campoli – sarà una rete orchestrata e gestita in modo efficiente per spostare i carichi di lavoro dove si consuma di meno, creata con tecnologie di base quali chip o fibre ottiche, che richiedono sempre meno potenza, come con le tecnologie Silicon One di Cisco”.

L’evoluzione del Cloud

Al centro dell’attenzione anche l’Evoluzione del Cloud, che negli ultimi 18 mesi sembra aver assunto un ruolo strategico per il business in termini di flessibilità, agilità e velocità. «Siamo in un mondo in cui tutto ciò che può essere digitale deve essere digitale – ha sottolineato Enrico Mercadante, Responsabile Architetture Cisco Sud Europa. «Il ritmo del cambiamento all’interno delle organizzazioni aziendali è destinato a crescere ulteriormente nel corso del prossimo anno, poiché le aziende continuano a guardare all’innovazione tecnologica per sopravvivere e crescere. In tal senso, le applicazioni cloud native sono in grado di dare una spinta al business permettendo di beneficiare appieno della flessibilità e della velocità dei nuovi ambienti IT che andranno a crearsi».

Leggi anche:  Come innovare il retail per intercettare la ripresa

Cybersecurity, un elemento imprescindibile

Un altro trend per l’anno nuovo è quello legato alla Cybersecurity, che secondo il Responsabile del Centro italiano di Cybersecurity di Cisco Fabio Florio «dovrà essere un elemento imprescindibile di qualsiasi progetto di innovazione tecnologica, di trasformazione digitale, di evoluzione dei servizi. Il futuro dell’autenticazione sarà senza password, un mondo cioè in cui l’accesso a sistemi, servizi e applicazioni sarà controllato attraverso parametri di identificazione e di comportamento e non da codici che si perdono, vengono sottratti o si rivelano inefficaci. L’accesso sarà dunque abilitato da chiavi di sicurezza o dal riconoscimento biometrico».

Fanno parte dell’offerta di Cisco, la soluzione Duo, in grado di verificare l’identità degli utenti e l’integrità dei loro dispositivi prima di autorizzare l’accesso alle applicazioni contribuendo a prevenire violazioni di sicurezza informatica, e SecureX, una piattaforma integrata e nativa su cloud, che velocizza le indagini sulle minacce.

«Creare ambienti inclusivi che mettano al centro le persone»

Empatia nel lavoro e Sostenibilità sono gli ultimi due trend tecnologici da adottare nei prossimi 12 mesi. Secondo Michele Dalmazzoni, Responsabile Collaboration Sud Europa di Cisco, «il vero punto di svolta sarà l’empatia quale fattore chiave per connettere veramente le persone. Creare ambienti inclusivi che mettano al centro le persone sarà altrettanto importante, e ciò significa che le aziende devono dotarsi di tecnologie e nuove policy di lavoro, affinché chi lavora da remoto si senta incluso e possa collaborare efficacemente come se fosse in presenza. La valutazione avverrà sul merito dei risultati, e non sulla presenza in ufficio».

Il ruolo delle tecnologie digitali deve essere quello di favorire un mondo più sostenibile: «Si sta passando da un’economia lineare, dove i prodotti sono usati e poi buttati, a un’economia circolare che fa un uso migliore delle risorse naturali. Le tecnologie digitali saranno utilizzate sempre più come piattaforme per favorire un business più sostenibile. Si stanno creando nuovi ecosistemi per risolvere con il digitale problemi complessi», ha concluso Mercadante.