Intesa entra a far parte di Kyndryl e rafforza il ruolo di player strategico nella digital transformation

Intesa entra a far parte di Kyndryl e rafforza il ruolo di player strategico nella digital transformation

Intesa, società torinese nata nel 1987 e da più di 15 anni partecipata al 100% da IBM, inizia il suo nuovo percorso come affiliata di Kyndryl, lo spin off della divisione Managed Infrastructure Services del colosso statunitense, che da oggi è quotata al NYSE come società autonoma e indipendente.

Nel contesto di Kyndryl Italia, Intesa rivestirà un ruolo strategico come azienda di servizi: entrambe le aziende sono allineate sul medesimo obiettivo di realizzare e gestire la trasformazione digitale dei clienti, partecipando al progresso del loro business nei diversi mercati, per contribuire allo sviluppo del Paese.

In questo momento di grande trasformazione, Intesa rafforza il proprio ruolo nel mercato IT in un’ottica di globalizzazione e consolida la sua mission di partner di riferimento per accompagnare le aziende nella trasformazione digitale dei processi aziendali, fornendo servizi digitali consolidati e all’avanguardia, approccio consulenziale e capacità di delivery di soluzioni innovative alle organizzazioni di tutto il mondo.

“Kyndryl è la più grande azienda al mondo nel settore dei servizi IT infrastrutturali e tecnologici, prima anche in Italia, e per Intesa costituisce una grande opportunità per rafforzare la sua proposizione di valore sul mercato e portarla verso oltre 4.600 aziende in 115 paesi, fra cui la maggioranza delle aziende Fortune 100” ha commentato Andrea Agnello, Senior Partner di Kyndryl e Amministratore Delegato di Intesa.

“Coglieremo l’occasione per promuovere il nostro modello di trasformazione digitale del business sintetizzabile in tre concetti chiave: allineamento con il time to market dei progetti, focalizzazione verso il cliente, e sostenibilità ambientale e sociale” ha sottolineato Giuseppe Mariani, General Manager di Intesa.

Leggi anche:  Numeri, acquisizioni e strategie di crescita: il futuro roseo di Passepartout