Marco De Vincenzi è il nuovo amministratore delegato di CAHRA Italia

Kyndryl e Lenovo estendono la partnership per accelerare lo sviluppo di soluzioni Hybrid Cloud ed Edge

Oltre vent’anni d’esperienza nel settore Retail Real Estate, un passato d’eccezione nella finanza sono alcuni degli asset che il manager porta in eredità per lo sviluppo del business

Laureato in Discipline Economiche Sociali all’Università Bocconi, De Vincenzi vanta un Curriculum Vitae di primo piano che lo porta a ricoprire, negli anni, ruoli apicali in ambito Finance e Human Resources. A lui va il merito di aver guidato, dal ‘94 ad oggi, il percorso di crescita della startup che diventa prima la filiale italiana di Tremà, primario gruppo francese nel settore immobiliare, poi nel 2011 di Corio, società olandese specializzata nel Retail Real Estate, acquisita infine da Klepierre, leader paneuropeo dei centri commerciali con sede a Parigi. Dal 2001 ricopre la carica di Board Member della società.

Fra le varie esperienze, particolarmente significativa risulta quella in Corio che per tre anni viene insignita del riconoscimento ‘Great Place to Work’.

Oggi De Vincenzi fa parte del Consiglio Generale di Assoimmobiliare, l’Associazione nazionale dell’Industria Immobiliare, aderente a Confindustria, ed è Board Member e Presidente della Commissione fiscale del Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali (CNCC), l’Associazione che si propone di riunire in una unica realtà tutti gli Stakeholder dell’Industria dei Centri Commerciali e delle strutture ad essi assimilabili.

L’ingresso in CAHRA rappresenta un ulteriore tassello che si aggiunge al già ricco profilo del dirigente. ‘Sono molto orgoglioso – dichiara De Vincenzi – di ricoprire questo incarico in un momento storico-sociale così particolare come quello che stiamo vivendo. Ci muoviamo in uno scenario di business in continua evoluzione,  dove le aziende si trovano ad affrontare cambiamenti che spesso non sono ancora pronte a gestire. Sono convinto che la metodologia e l’esperienza di CAHRA nel management di transizione possano aiutare le imprese italiane, che investono nel futuro, ad intraprendere il cammino della trasformazione con successo.’

Leggi anche:  Alessandro Bertoli, mai tirarsi indietro