Si fa dura per Google con la nomina del nuovo direttore dell’antitrust Usa

Google minaccia di licenziare i dipendenti non vaccinati

Jonathan Kanter guiderà diverse azioni legali contro le big tech americane

A inizio settimana, il Senato americano ha confermato alla guida della divisione antitrust del Dipartimento di Giustizia, Jonathan Kanter, il critico di Google e avvocato per la concorrenza, segnando l’ennesima vittoria progressiva nell’applicazione dell’antitrust sotto l’amministrazione Biden. Kanter ha una lunga storia di rappresentanza di aziende tecnologiche, come Yelp e Microsoft, in cause legali che accusano Google di comportamento anticoncorrenziale.

Ora che è stato confermato, Kanter sarà a capo di diverse azioni del Dipartimento di Giustizia contro le big tech, inclusa una causa secondo cui Google detiene un monopolio illegale nel mercato degli annunci digitali. “Nel corso della sua carriera, Kanter è stato un importante sostenitore ed esperto nello sforzo di promuovere una politica antitrust forte e significativa e una politica di concorrenza” ha affermato la Casa Bianca in una nota.  

Kanter è solo l’ultimo progressista scelto per reprimere le attività delle compagnie tecnologiche come Facebook e Google. A giugno, il Senato ha confermato Lina Khan alla presidenza della Federal Trade Commission. Khan è salito alla ribalta per la prima volta come studente di legge dopo aver scritto un articolo del 2017 intitolato “Il paradosso antitrust di Amazon”.

Il documento ha sostenuto che il governo ha bisogno di nuove leggi antitrust per prevenire comportamenti anticoncorrenziali nel settore tecnologico. La FTC ha l’autorità di citare in giudizio le aziende per comportamento anticoncorrenziale e l’agenzia è attualmente coinvolta in un contenzioso contro Facebook e Google. Kanter si allinea strettamente con Khan e lo studioso antitrust progressista Tim Wu, che attualmente siede nel Consiglio economico nazionale.

Leggi anche:  Shopping online: nel 2022 le abitudini dell'era pandemica si consolidano