Twitter abbraccia Instagram, mostrando le anteprime nei link

Instagram prepara la versione a pagamento

Aggiornamento per l’app, che adesso visualizza le foto anche tra i tweet senza dover cliccare nulla

Nel suo ultimo aggiornamento dell’app, Twitter ha introdotto la possibilità di vedere un’anteprima delle foto postate su Instagram quando si incolla sulla piattaforma un link che rimanda al contenuto stesso. Finora, bisognava aprire il link per entrare nell’app di proprietà Facebook e vedere di cosa si trattava. Le schede in anteprima invece rendono più semplice e veloce la visualizzazione, di fatto eliminando la necessità di uscire dal microblog se non interessa la foto postata su Instagram. Twitter ha lanciato la novità dei collegamenti nelle sue app ufficiali e sulla versione web. Se qualcuno condivide un post, si vedrà una miniatura delle immagini, senza lasciare la timeline. 

Maggiore integrazione

La mossa mette fine ad una diatriba di lunga data. L’integrazione delle foto su Twitter di Instagram  era una funzionalità già attiva, svanita nel 2012, senza che alcuno dei due social network facesse uno sforzo per reintrodurla. Twitter preferirebbe che gli utenti pubblicassero foto direttamente sul suo servizio, mentre Instagram ha chiaramente motivazioni per continuare a utilizzare la piattaforma ogni volta che è possibile. Questi problemi apparentemente non sono un grosso limite tecnico, come dimostra l’ultimo aggiornamento. Non è chiaro cosa abbia spinto la decisione ma è evidente che la mossa possa essere letta, dal punto di vista di Twitter, come una sorta di compromesso per lasciare che gli iscritti utilizzino Instagram per la pubblicazione dei contenuti ma con il beneficio di poterli mostrare anche con i loro tweet, tramite le anteprime.

Leggi anche:  La blacklist di Google Ads non è perfetta

Intanto nelle ultime ore, Twitter ha esteso l’opzione dei Super Follow, anche in Italia. Si tratta della possibilità, per gli utenti, di accedere ad alcune pubblicazioni proposte da particolari profili in cambio di una sottoscrizione a pagamento. Come specificato dall’azienda, tra questi utenti “vip” possono essere annoverati creatori di contenuti, esperti di diversi settori, scrittori e giornalisti, attivisti, musicisti o attori.