Google minaccia di licenziare i dipendenti non vaccinati

Google pagherà 118 milioni di dollari per discriminazione di genere

L’azienda darà ai lavoratori fino a sette mesi per conformarsi, uno dei quali sarà retribuito

Secondo una nota interna ottenuta dalla CNBC, i dipendenti di Google che non sono vaccinati potrebbero essere messi in congedo forzato e poi lasciati andare, se non rispettano le sue regole sul Covid-19. Secondo il promemoria, Google ha concesso ai lavoratori fino al 3 dicembre per caricare la prova della vaccinazione o ricevere l’approvazione per un’esenzione medica o religiosa. La società afferma che chiunque non eseguirà una scelta entro il 13 gennaio sarà posto in congedo amministrativo retribuito di 30 giorni. Chi non sarà ancora in regola dopo i 30 giorni, potrebbe affrontare un congedo non retribuito fino a sei mesi e poi essere licenziato.

Il rapporto della CNBC sottolinea che potrebbero esserci alcune opzioni per i dipendenti non vaccinati: mentre la società si aspetta che il mandato del presidente Biden si applichi a tutte le compagnie, grandi o piccole, i dipendenti possono cercare postazioni di lavoro esenti dall’obbligo, come gli spazi condivisi. Se ne trovano uno (o ne hanno già uno) dovrebbero essere in grado di svolgere il loro lavoro da remoto. Google richiede che i dipendenti in carica siano vaccinati, affermando che i test frequenti non sono un’alternativa accettabile.

C’è anche la possibilità di richiedere un’esenzione. Sebbene la società non abbia determinato quando i lavoratori dovranno tornare in ufficio dopo l’emergere della variante Omicron, si aspetta che gran parte della sua forza lavoro sarà in presenza. Tuttavia, la CNBC afferma che anche i lavoratori a distanza dovranno essere vaccinati se rientrano nel mandato. Sia la retribuzione che i requisiti di vaccinazione sono stati problemi scottanti all’interno dell’azienda: durante una riunione, i dirigenti hanno anticipato che Google potrebbe aumentare i salari per adeguarsi all’inflazione.

Leggi anche:  Livelli record di abusi sessuali su minori online nel 2021