L’89% delle organizzazioni sanitarie italiane utilizza dispositivi medici con sistemi operativi obsoleti

L’89% delle organizzazioni sanitarie italiane utilizza dispositivi medici con sistemi operativi obsoleti

Secondo quanto emerso dal nuovo report Healthcare 2021 di Kaspersky, solo l’11% delle organizzazioni sanitarie italiane utilizza dispositivi medici che eseguono software aggiornati. L’utilizzo di sistemi operativi legacy (OS), espone le organizzazioni sanitarie a maggiori vulnerabilità e rischi informatici

Le innovazioni hanno sempre giocato un ruolo fondamentale in campo medico. Durante la pandemia, però, il settore sanitario è stato costretto ad accelerare significativamente l’implementazione di queste innovazioni. Un fenomeno che secondo un recente report di Accenture è stato confermato dall’ 81% dei dirigenti di organizzazioni sanitarie. Per determinare se a questa transizione su larga scala verso la telemedicina corrisponda l’adozione di misure di sicurezza adeguate, Kaspersky ha condotto un sondaggio globale tra i fornitori di servizi sanitari.

Dalla ricerca di Kaspersky è emerso che le organizzazioni sanitarie utilizzano, nella maggior parte dei casi, dispositivi medici con un sistema operativo legacy principalmente a causa di problemi di compatibilità, costi elevati degli aggiornamenti o per la mancanza di conoscenze interne su come eseguire gli aggiornamenti.

L’utilizzo di dispositivi obsoleti può provocare incidenti informatici. Quando gli sviluppatori di software smettono di supportare un sistema, interrompono anche il rilascio di eventuali aggiornamenti, che spesso includono patch di sicurezza per le nuove vulnerabilità. Se lasciate senza patch, queste vulnerabilità possono diventare un vettore iniziale di attacco per penetrare nell’infrastruttura dell’azienda, di cui anche gli attaccanti non specializzati possono servirsi. Le organizzazioni sanitarie archiviano un volume notevole di dati sensibili e preziosi che le rendono uno degli obiettivi più redditizi, e i dispositivi senza patch possono facilitare il lavoro degli attaccanti.

Interrogati sulle loro capacità di reazione in materia di cybersecurity, solo il 20% degli operatori sanitari italiani crede che la loro organizzazione sia in grado di bloccare efficacemente tutti gli attacchi alla sicurezza o le violazioni del perimetro. La stessa percentuale è certa che la loro organizzazione disponga di una protezione di sicurezza IT hardware e software aggiornata e adeguata.

Leggi anche:  Trend Micro presenta la security di prossima generazione per gli endpoint ICS

Tuttavia, in Italia il 50% degli intervistati ha ammesso che la loro organizzazione ha già sperimentato incidenti che hanno causato una fuga di dati, il 40% un attacco DDoS mentre il 30% un attacco ransomware.

“Il settore sanitario si sta evolvendo verso l’adozione di dispositivi connessi in grado di soddisfare la domanda di maggiore accessibilità alle cure. Questo comporta anche alcune sfide di cybersecurity tipiche dei sistemi embedded. Il nostro report conferma che molte organizzazioni utilizzano ancora dispositivi medici che eseguono vecchi sistemi operativi e si scontrano con alcuni ostacoli che impediscono l’esecuzione degli aggiornamenti necessari. Ad oggi, esistono soluzioni e misure disponibili che possono aiutare a minimizzare i rischi di una strategia di modernizzazione nella sanità. Queste misure, insieme alla formazione del personale medico, possono aumentare significativamente il livello di sicurezza e facilitare il progresso del settore sanitario”, ha dichiarato Cesare D’Angelo, General Manager Italy di Kaspersky.

Per aiutare il settore sanitario a ridurre al minimo la probabilità di incidenti informatici causati da sistemi obsoleti e senza patch, Kaspersky raccomanda di:

  • Fornire al personale una formazione essenziale di cybersecurity hygiene, poiché molti attacchi utilizzano il phishing o altre tecniche di ingegneria sociale come vettore iniziale
  • Eseguire un audit di cybersecurity delle reti e correggere qualsiasi vulnerabilità rilevata nel perimetro o all’interno della rete.
  • Installare soluzioni anti-APT e EDR, come il framework Expert Security di Kaspersky, che consentono la scoperta e il rilevamento delle minacce, l’indagine e la risoluzione tempestiva degli incidenti. Fornire al team SOC l’accesso alla più recente threat intelligence e ad una formazione costante.
  • I servizi dedicati, unitamente a una corretta protezione degli endpoint, possono aiutare a difendersi dagli attacchi di alto profilo. I servizi di Managed Detection and Response possono aiutare a identificare e bloccare gli attacchi nella loro fase iniziale, prima che gli attaccanti raggiungano i loro obiettivi.
  • Proteggere i sistemi embedded nei dispositivi medici che vengono aggiornati raramente. Kaspersky Embedded System Security è stato progettato per operare efficacemente anche su hardware low-end e legacy e su software obsoleti senza sovraccaricare il sistema. L’aggiornamento più recente della soluzione include funzionalità di gestione basate su cloud che permettono di controllare i dispositivi embedded tramite la stessa console ospitata degli altri endpoint.