Attacchi ransomware, li temono 9 CISO su 10: come proteggersi con Arcserve

Attacchi ransomware, li temono 9 CISO su 10: come proteggersi con Arcserve

Simili malware possono significare per le aziende perdite fino a 5.600 dollari al minuto, ma soluzioni come Arcserve OneXafe garantiscono piena sicurezza e riducono i rischi di inattività

Mai come in un simile periodo storico siamo di fronte alla consapevolezza che l’archiviazione dei dati rappresenta parte integrante della strategia di sicurezza IT di ogni Chief information security officer (CISO). È per questo che dotare la propria azienda di strumenti di immutable storage e immutable snapshot significa stabilire l’immutabilità dei dati e garantirsi una sicurezza ottimale.

Per comprendere meglio questa e simili necessità basta dare un’occhiata ai dati più recenti: stando a un recente sondaggio condotto da Dimensional Research, il 96% dei manager IT ha dichiarato di temere un attacco ransomware. Di questi però, solo 1 su 5 è quasi certo di potersi riprendere da un simile malware. Con attacchi sempre più sofisticati, i Chief information security officer hanno rafforzato l’apparato protettivo della propria attività con soluzioni di prevenzione come firewall, password e strumenti di Identity & Access Management; ma c’è una restante, cruciale sfida da affrontare: l’archiviazione dei dati.

Comprendere l’importanza di una strategia di immutable storage: Arcserve OneXafe

Quando un’azienda è vittima di un attacco informatico, ogni secondo di inattività corrisponde a ingenti perdite economiche, stimabili in circa 5.600 dollari al minuto secondo Gartner. Le misure di prevenzione sopracitate sono essenziali per la sicurezza aziendale, ma i Chief information security officer hanno necessariamente bisogno anche di proteggere i dati se vogliono raggiungere il loro obiettivo principale: la messa in sicurezza e disponibilità dei dati; la buona riuscita di un simile progetto dipende in maniera inesorabile da backup e archiviazione dei dati.

Leggi anche:  ESET gestisce la sicurezza del Gruppo Raicam a livello globale

Questi costituiscono la base di tutte le attività aziendali, e proprio per questo sono i principali bersagli degli hacker durante un attacco informatico; pertanto, dovrebbero anche essere la priorità assoluta sul fronte politiche di sicurezza dei dati. Le soluzioni di backup e immutable storage proteggono i dati in caso di attacco o in qualsiasi altra situazione di business disaster, rappresentando così l’ultima linea di difesa che garantisce la sicurezza e la disponibilità dei dati aziendali.

Ricorrere a un approccio olistico alla sicurezza dei dati integrando una soluzione di immutable storage è fondamentale in quanto rafforza la resilienza di una compagnia. Le soluzioni di immutable storage non possono mai fermare gli attacchi informatici, ma possono neutralizzarne gli effetti e garantire così la continuità aziendale, il che è essenziale.

Arcserve OneXafe fa proprio questo ed è la soluzione di immutable storage più efficiente sul mercato, garantendo anche la deduplicazione e la compressione in linea per ridurre la dimensione dei dati.

Il passaggio più importante per qualunque compagnia che desideri proteggersi dai ransomware è infatti eseguire regolarmente il backup dei propri file e archiviarli utilizzando una soluzione di immutable storage. Gli attacchi più sofisticati consentono di crittografare sia i file che i punti di ripristino, ma un immutable snapshot rappresenta una copia dei tuoi dati che un ransomware o un utente non può mai modificare o eliminare.

In questo modo, grazie ad Arcserve l’organizzazione può recuperare rapidamente i dati che sarebbero andati persi a seguito di attività hacker di danneggiamento o anche di eliminazione dei file, attacchi ransomware o altri casi di business disaster. Gli stessi utenti possono recuperare autonomamente i propri dati su ‘Esplora risorse’ o ‘Finder’ nel caso di Mac. Non è necessario recuperare i dati utilizzando il backup: gli utenti esaminano i file e selezionano i dati che desiderano ripristinare.

Leggi anche:  Aumentano del 56% gli attacchi ricorrenti che utilizzano Microsoft SQL Server nel 2022

Oltre a sensibilizzare il proprio team sui rischi per la sicurezza, ogni Chief information security officer deve anche accrescere la consapevolezza del personale sull’importanza dell’archiviazione dati. Le politiche di sicurezza sono spesso limitate, non sufficientemente solide rispetto al panorama IT odierno, che vede il numero di attacchi in costante aumento. Eppure, i dati rappresentano un enorme fonte di guadagni illeciti per gli hacker, e le aziende dovrebbero chiedersi non se, ma solo quando si troveranno ad essere vittime di un attacco ransomware.

È dunque questo il momento ideale per cambiare strategia di sicurezza e scegliere Arcserve, imboccando la strada che conduce verso un approccio olistico alla protezione dei dati.

Scarica il White Waper IDC