Dal 1 luglio, la G Suite non sarà più gratis per i professionisti

Dal 1 luglio, la G Suite non sarà più gratis per i professionisti

Gli utenti interessati dovranno passare ad un piano Workspace a pagamento

Nel corso degli anni, la suite di produttività di Google ha cambiato molti nomi. Ciò che è iniziato come Google Apps è diventato G Suite e ora è noto come Workspace. Nello stesso lasso di tempo, l’azienda ha offerto altrettanti modi per accedere a quel software, annunciando nuovi piani di abbonamento e eliminando quelli più vecchi. Ora prevede di tramontare un livello che era sopravvissuto al più recente rebranding della suite. 

In un’e-mail individuata da 9to5Google, la società ha detto agli amministratori di Workspace che non offrirà l’edizione gratuita legacy di G Suite a partire dal 1 luglio 2022. L’azienda prevede di trasferire gli utenti agli account a pagamento a partire dal 1 maggio. Google afferma che selezionerà automaticamente un piano di abbonamento per gli utenti che non ne sceglieranno uno da soli entro l’inizio di maggio, notando che terrà conto del loro utilizzo attuale per prendere la decisione. 

Qualsiasi individuo o organizzazione di cui l’azienda esegue la migrazione a un piano di abbonamento a pagamento non verrà fatturato automaticamente per almeno due mesi. Tuttavia, la società afferma che sospenderà gli account di singoli e organizzazioni che non inseriscono i propri dati di fatturazione entro il 1 luglio. Gli account Business e Enterprise Workspace partono da un costo mensile di 6 dollari per utente. 

La società offrirà sconti “importanti”a coloro che saranno interessati al passaggio. Per essere chiari, se si sta utilizzando Gmail, Documenti, Fogli e altre app tramite un account Google gratuito, non si sarà influenzati dal trasferimento. Inoltre, Google continuerà a offrire piani di Workspace gratuiti alle organizzazioni non profit e alle scuole che si qualificano come tali. Ovviamente, le organizzazioni con abbonamenti precedenti a G Suite Basic, Business, Education o Non profit non devono preoccuparsi di un potenziale cambiamento.

Leggi anche:  Talentia Software presenta HCM release 12.1