Twitch, le nuove policy puniscono chi diffonde fake news

Twitch, le nuove policy puniscono chi diffonde fake news

Non sono molti ma la piattaforma ha deciso di scovare i bufalari di professione

Twitch ha dichiarato che vieterà gli utenti che diffondono ripetutamente disinformazione dannosa sulla sua piattaforma. Il sito di streaming ha affermato che le nuove regole non si applicheranno agli utenti sulla base di “dichiarazioni o discussioni individuali” su un canale, ma agli iscritti “la cui presenza online è dedicata alla condivisione persistente, ampiamente smentita e lo stesso condivisa su temi dannosi che sono bufale.

L’azienda considera tali utenti “superdiffusori di disinformazione” e ha scelto i criteri che, se raggruppati, “creano un alto rischio di danno, incluso l’incitamento nel mondo reale”. Twitch ha sottolineato in un post sul blog che l’aggiornamento “probabilmente non avrà alcun impatto su di te o sugli streamer che ami” e ha aggiunto che gli utenti che diffondono disinformazione non sono prevalenti sulla piattaforma. 

Ma l’azienda riconosce il danno che tali utenti potrebbero causare se lasciati agire indisturbati. Il contenuto coperto dal divieto di disinformazione di Twitch include false informazioni sui vaccini Cvodi-19 o disinformazione dannosa per la salute, frode elettorale o altri contenuti che “minano l’integrità di un processo civico o politico”, qualsiasi disinformazione “promossa da reti di cospirazione legate alla violenza e/o o promuovere la violenza”, così come la disinformazione che prende di mira i gruppi protetti, che la società osserva è già vietata dalla sua politica di condotta.

A livello aziendale, il client di Amazon sembra avere alcuni problemi. Nel solo 2022, sei alti dirigenti hanno lasciato Twitch, incluso il direttore operativo, il chief content officer e l’head of creator development. Il totale del 2021 è stato di 300 partenze, mentre ad oggi il totale delle uscite ammonta a 60, una cifra che, secondo Bloomberg, potrebbe aumentare nei prossimi mesi.

Leggi anche:  Twitter potrebbe aggiungere un tasto podcast alle sue app