CBI S.c.p.a: nominato il nuovo CdA, Salvatore Maccarone confermato Presidente

Esprinet si conferma Top Employer in Italia e riceve la certificazione anche in Spagna e Portogallo

L’Assemblea dei Soci di CBI S.c.p.a., la Società Consortile per Azioni partecipata da circa 400 banche e altri intermediari finanziari che da oltre venti anni serve banche, intermediari finanziari, fintech e Pubblica Amministrazione per l’offerta di servizi digitali di pagamento e transazionali, ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione per il prossimo triennio.

Sono stati nominati Consiglieri di Amministrazione di CBI S.c.p.a per Banca Sella Francesco Plini, per Banco BPM Stefano Cioffi, per BPER Banca Claudio Susca, per Cassa Centrale Banca Sandro Rizzonelli, per Credem Ettore Corsi, per Gruppo ICCREA Ovidio Morgantini, per Intesa Sanpaolo Giancarlo Esposito, Raffaella Mastrofilippo e Alessandro Varriale, per Unicredit Luca Corsini e Giovanni Solaroli, nonché come Consiglieri Indipendenti Salvatore Maccarone e Giovanni Sabatini.

TI PIACE QUESTO ARTICOLO?

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato.

Tra questi Salvatore Maccarone è stato riconfermato nel ruolo di Presidente della Società guidata dal Direttore Generale Liliana Fratini Passi.

CBI in questo ultimo anno ha implementato importanti progetti e servizi digitali di pagamento, consolidando anche a livello internazionale il proprio ruolo di supporto dell’intera industria finanziaria italiana, cinghia di trasmissione e motore trainante per la modernizzazione del nostro Paese. La crescita dei servizi è testimoniata dal forte incremento del numero di cittadini, raddoppiati rispetto all’ultimo anno e oggi pari a 11 milioni, che hanno usato il Servizio CBILL per consultare e pagare online bollettini di aziende private e avvisi di pagamento pagoPA. Negli ultimi tre anni la Società ha, inoltre, sviluppato un ecosistema precompetitivo di open finance con l’obiettivo di facilitare il processo di massima interoperabilità dell’open banking in Italia e in Europa, consentendo ai Prestatori di Servizi di Pagamento di cogliere tutte le opportunità nel nuovo quadro regolatorio definito dalla PSD2 e sviluppare servizi a valore aggiunto per cooperare e allo stesso tempo competere con i nuovi soggetti che sono entrati nel mercato, quali fintech e BigTech. Da ultimo le energie di CBI si stanno concentrando anche sullo sviluppo del progetto CBI Hub Cloud, che prevede il passaggio delle infrastrutture attuali – che gestiscono tutte le transazioni di pagamento e incasso multibanca tra le aziende italiane e verso la Pubblica Amministrazione – su tecnologia cloud privata e dedicata, mutuata dalla piattaforma di Open Banking CBI Globe.

Leggi anche:  Cinque diverse generazioni nel mondo del lavoro: dai Boomer alla Generazione Alpha