DuckDuckGo annuncia un nuovo browser per Mac incentrato sulla privacy

La protezione delle email di DuckDuckGo disponibile per tutti

Sviluppato su WebKit include il blocco degli annunci, gestore delle password e nessuna estensione

DuckDuckGo, il motore di ricerca incentrato sulla privacy ha già in portafoglio un browser per iOS e Android, oltre ad estensioni per Chrome, Firefox e Safari. Con un passo ulteriore verso un mondo digitale più riservato, la società ha annunciato che entrerà anche nel mercato dei browser desktop. DuckDuckGo per Mac è già disponibile come versione beta su invito; un software “progettato per essere utilizzato come browser di tutti i giorni che protegge davvero la tua privacy” afferma l’azienda. Tra le altre funzionalità, DuckDuckGo gestisce automaticamente i popup di consenso dei cookie, utilizza connessioni HTTPS crittografate ogni volta che sono disponibili e blocca i tracker. Il browser include anche il proprio gestore di password che può importare dati “da altri browser ed estensioni come 1Password o LastPass”. Più in avanti arriverà anche la sincronizzazione privata di password e segnalibri tra browser. 

La maggior parte dei browser sul mercato si basa su Chromium di Google e sul motore di navigazione Blink. Questo è il motivo per cui il grosso delle pagine web viene testata pensando a Chrome e alla sua ampia libreria di estensioni, sia proprietarie che di terze parti. Il browser DuckDuckGo utilizza invece il motore di rendering WebKit di Apple tramite l’ API WKWebView. Per questo, riceverà aggiornamenti di sicurezza direttamente all’update di macOS. Questo probabilmente farà risparmiare lavoro al team di DuckDuckGo, che non avrà bisogno di eseguire i propri test o aggiornamenti ogni volta che viene apportata una modifica a WebKit. DuckDuckGo afferma che una versione Windows del suo browser “arriverà presto”. Supponendo che l’azienda utilizzi lo stesso approccio del  Mac, la controparte Windows utilizzerà Edge WebView2 di Microsoft come motore di navigazione.

Leggi anche:  Instagram prova a proteggere i minori ma per il Senato non basta